venerdì 9 novembre 2018

GIOVE ENTRA IN SAGITTARIO (08.11.2018/02.12.2019) - OSSERVA E AFFIDATI


L'08 novembre è iniziato un nuovo ciclo di 13 mesi, fino a dicembre 2019, il transito di Giove nel suo Segno di Governo, il Sagittario. In qualità di pianeta più grande del nostro sistema solare, Giove porta espansione nel settore in cui cade il Sagittario nella Mappa di nascita. E' un grande faro che si accende nella vita e mostra ciò che c'è. 
Ricordo che stiamo uscendo da uno degli anni più impegnativi dal punto di vista della crescita personale. Nel suo viaggio all'interno del Segno dello Scorpione (ottobre 2017/novembre 2018) Giove ha illuminato tutto quello che avevamo accuratamente scartato dalla mente. Non è stato facile. Se oggi ci sentiamo diversi è perché, dopo ciò che è stato vissuto, non si può più tornare indietro. 
Questo processo si chiama presa di coscienza. Fondamentale per questo momento. Ci troviamo quasi alla fine di un ciclo di 7 anni dal 26 luglio 2013, quando è iniziato il cammino sul Vuoto, alla fine del ciclo di 5.200 anni della frequenza dissonante che aveva investito la Terra, i cui strascichi sono ben visibili ancora. Il fine di questo ciclo era assurgere ad un nuovo stato di coscienza, l'attivazione del Corpo di Luce, il prossimo step di consapevolezza richiesto agli umani.
I 7 anni si concludono il 24 luglio 2020, alla fine dell'anno del Mago Bianco Magnetico, Kin 14, durante il quale respireremo una frequenza di grande bellezza, che ci mette in contatto con la Mente Immaginativa connessa con il Cuore e con la Fonte del Tutto. La Sincronicità: l'08 novembre era Kin 14. Il transito di Giove in Sagittario espande lo stato di coscienza verso un concetto di Tempo Non-Tempo, riuscire a surfare il Tempo amplificando il contatto con il nostro ritmo interiore. Non più Tempo da inseguire, ma materia da plasmare in base alle qualità del Tempo. Seguendo il Sincronario Galattico si possono conoscere queste qualità e viverle ogni giorno.

Dal 26 luglio 2013 l'Umanità ha vissuto una sorta di risveglio collettivo e ha cominciato a rendersi conto del proprio ruolo di creatrice (in quel momento Giove si trovava in Cancro, collegato con la creatività). La facoltà creativa parte dall'immaginazione e questa è collegata con la frequenza interiore di base. Noi siamo ciò che pensiamo, affermano tanti saggi. Se però non sappiamo chi siamo, cosa stiamo creando? Il prodotto del nostro inconscio. 
Ecco perché l'importanza di fare un percorso di consapevolezza. Per guidare la nostra frequenza alla sua manifestazione pura, oltre i bisogni, le paure e i tanti limiti che continuamente ci poniamo.
Durante questi 7 anni abbiamo lavorato con questo intento. 
Il 2018 è stato un anno spartiacque - tante fasi difficili da superare. Difficili perché ci chiedevano una grande adesione e coerenza. Non più deviazioni, non più distrazioni. Siamo ridotti all'osso. 
Da qui si riparte. 
Dovunque arrivi Giove porta dunque espansione e ci viene chiesto di affermare ciò che siamo. Abbiamo scoperto l'essenza durante questi ultimi 13 mesi? Il viaggio di questo Archetipo del Maestro Spirituale nelle profondità dell'inconscio ci ha messo in contatto con almeno una pallida idea di cosa siamo venuti a fare qui? Perché la Fiamma che ci abita si è scomodata per l'ennesima volta a scendere qui, quando avrebbe potuto rimanere nell'Infinito della Coscienza Unita? Quanto passato siamo venuti ad elaborare? Quanta luce siamo venuti a radicare? Quanto piacere siamo venuti a vivere? 
Ora possiamo lasciar risplendere tutto quello che è emerso. Siamo probabilmente sfiniti e la luce ancora è incerta. Non importa. Fa parte del processo del lasciar andare, perché Giove è anche fiducia incondizionata, e se ci si fida, ci si affida. Questo sarà un grande insegnamento da integrare. Stiamo apprendendo sulla nostra pelle cosa significhi. Se stiamo in presenza, è ciò che accade. 
Giove porta espansione, e allora rimaniamo ad osservare dove il Maestro Spirituale ci conduce. Il timone del viaggio è la nostra Intenzione. Essa guida e dà motivazione, è la luce in fondo al tunnel. Focalizziamoci sugli obiettivi, le immagini che emergono spontanee dal Profondo. Altro non c'è bisogno di fare. 
Stefania Gyan Salila

martedì 6 novembre 2018

NOVILUNIO IN SCORPIONE, 07.11.2018 - IL TEMPO DEL RISVEGLIO DEL MASCHILE

Immagine da wallpaperup.com


Il 07 novembre alle ore 17.02 italiana la Luna diventa Nuova congiunta al Sole a 15° dello Scorpione.    Questo passaggio è epocale per l'anno in corso, durante il quale abbiamo vissuto tanti stravolgimenti interiori, parte di un lungo processo di individuazione che ci ha portato ognuno in contatto con la nostra piccola verità. In questo senso è stato fondamentale viaggiare dentro 13 mesi di Giove in Scorpione perché è stato un transito che ha portato a galla tutto quello che nascondeva la sottile e delicata Voce, così agognata e così difficile da raggiungere. Perché? Perché la verità è semplice e diretta e invece molte volte noi umani siamo persi dietro le circonvoluzioni mentali che ci distolgono dalla realtà. La sofferenza dell'ultimo anno è stata causata dal necessario risveglio a ciò che c'è in noi,  per poter apprezzare quello che siamo e respirare liberi dentro la nostra vita.
Il Novilunio in Scorpione apre alla visione che di quello che è rimasto dopo tutta la pulizia fatta. Lo Scorpione è il Segno della fusione delle anime, quindi c'è uno stimolo ad aderire a se stessi, a essere, a manifestare quell'essenza. 
Ho notato anche un'altro movimento molto interessante: l'antico Governatore dello Scorpione era Marte (prima della scoperta di Plutone nel 1930), quindi l'Archetipo Maschile che esso rappresenta è direttamente coinvolto in questa fase lunare. Inoltre proprio il 7 novembre Urano retrogrado entra a 29° Ariete, di cui Marte è Governatore, dove Urano risiederà fino al prossimo marzo 2019. Si apre così un'epoca in cui la tematica principale è la ricerca di una motivazione. Perché stiamo facendo quello che facciamo? Qual è il senso? 
A 29° Ariete Urano crea un aspetto di Quinconce con Giove a 29° Scorpione; il Quinconce (150°) riporta in equilibrio due situazioni disarmoniche da tantissimo tempo, è la riconquista dell'antico paradiso perduto. Tutti questi movimenti coinvolgono quindi l'Archetipo Marte, il Maschio, il Guerriero, e la sua funzione nel processo di Risveglio che è in corso ormai da tanto tempo. 
Come sappiamo, l'Archetipo Femminile è il ricettacolo del Fuoco, è nel ventre della Donna che arde la Ricerca, tutto accade dentro e poi diventa reale fuori. Il Maschile ha sempre garantito protezione e sopravvivenza, per cui essere così esteriori, attenti, in allarme, spesso ha prevenuto il Maschile dall'affrontare processi interiori. Ora il Novilunio in Scorpione coinvolge moltissimo Marte, e lo spinge a risvegliarsi, a chiedersi perché, a chiedersi "chi sono?".
Il prossimo ingresso di Giove in Sagittario (08 novembre) apre ad una ricerca lunga un anno (dicembre 2019). Ma di questo ne scriverò domani.
Intanto accogliamo la fine di ogni tipo di vecchio ciclo che si sta chiudendo. Il corpo sicuramente ci sta aiutando in questo, facendo la sua parte nel lasciar andare. Lasciamo che il Maschile si risvegli totalmente al suo ruolo di Protettore e Compagno, che non abbia più paura del Femminile e della sua Forza, ma che ritrovi la Forza anche dentro di sé, che lo aiuti a sconfiggere i propri draghi senza necessariamente proiettarli su chi dovrebbe collaborare all'integrazione dell'ignoto. 
Qui si parla a livello di Archetipi, per cui il Maschile ed il Femminile sono funzioni interiori di ciascuno, uomini o donne che siamo. Il Femminile è il modo in cui sentiamo, il Maschile manifesta quel sentire. Riusciamo noi a farlo? A rimanere coesi in questo? Il Maschile che si risveglia siamo noi quando siamo coerenti tra dentro e fuori. Possiamo permettercelo?
Stefania Gyan Salila

giovedì 1 novembre 2018

LA RICERCA DI VERITA' NELLA COPPIA - VENERE TORNA IN BILANCIA - 01.11/02.12.2018



Dal 01.11 al 15.11.2018 Venere transita in retrogradazione in Bilancia (29°/25°) e fissa l'attenzione sulle disarmonie di coppia che si erano inizialmente rivelate in agosto ma che abbiamo voluto ignorare. Il suo transito in Bilancia, Segno di cui è Reggente, nel 2018 si era verificato dal 07.08 al 09.09, per poi entrare in Scorpione, portando il livello di attenzione da un confronto con il mondo esterno ad una presa di posizione ferma e decisa con gli altri in generale, con il partner in maniera particolare. Perché stiamo insieme? Cosa ci tiene ancora qui? Ha senso portare avanti la nostra vita in comune? Queste domande sono affiorate continuamente dalla fine dell'estate, sia nella vita sentimentale che nei rapporti di amicizia. C'è voglia di rinnovamento, soprattutto di verità, di coerenza, di sincerità. 
Durante il transito in Scorpione (10.09/31.10 - in retrogradazione dal 06 ottobre) il dolore al cuore è stato forte: c'è qualcosa da salvare? come vivere in armonia relazioni sentimentali che rispettino le urgenze di entrambi i partner, senza tradire se stessi per non ferire l'altro?
Venere retrograda in Scorpione è stata anche protagonista del Portale del 31.10, uno dei quattro angoli di un quadrato perfetto, vedi QUI il link. Venere è custode della Fiamma Viola della Guarigione, una frequenza di grande potenzialità trasformative. La coppia è il primo territorio che ci vede impegnati nel confronto, sia che siamo in coppia sia che siamo soli. Il percorso di risveglio simboleggiato in astrologia dall'Asse dei Nodi Lunari tra Aquario e Leone ci sta insegnando a prenderci la responsabilità del nostro sentire. Possiamo ancora continuare ad ignorare la verità del cuore? a fare come se niente fosse? a sorridere girando lo sguardo da ciò che richiama la nostra attenzione al pianto, alla manifestazione della tristezza, della solitudine? Siamo in coppia ma ci sentiamo soli? Siamo soli e non ne possiamo più? Quanto freddo sentiamo dentro?
Fino al 15 novembre il confronto con queste tematiche si alleggerisce rispetto a prima, ma ci sentiamo comunque di rimanere con lo sguardo fisso sull'andamento della vita sentimentale, cercando di trovare una definizione. Il viaggio prosegue e si diversifica dal 16 novembre, quando Venere torna in moto diretto, lasciando andare le resistenze: dovremo arrenderci all'evidenza e prendere atto che qualche storia sta finendo, altre invece necessitano di investimenti di tempi e di dedizione per poter proseguire. Il 02 dicembre il pianeta della Fiamma Viola torna in Scorpione, dove rimane fino all'08 gennaio 2019. L'atto finale di rappacificazione o definitiva separazione, periodo spartiacque per tante coppie, o per chi è single è tempo di prendere una posizione rispetto allo spazio che lasciamo all'altro nella nostra vita, se temiamo o meno di essere invasi.
Possiamo rilassarci dentro un abbraccio? Ci sentiamo a casa con il partner? Cosa ci chiama o cosa ci respinge? Se sentiamo amore ma si è trasformato amore fraterno, siamo in grado di trasformare la relazione, rendendoci liberi e rendendo l'altro libero di essere? Qualunque ombra il partner ci mette davanti, possiamo accettare che sia anche la nostra?
Buon viaggio dentro il tunnel degli specchi!
Stefania Gyan Salila

domenica 28 ottobre 2018

LA CURIOSA MAPPA ASTRALE DI SAMHAIN, 31.10.2018 - SI APRE DI NUOVO IL PORTALE DEI SEGNI FISSI DI RADICAMENTO TRA CIELO E TERRA



Studiando il Cielo degli Archetipi Planetari ho notato che all'alba di Samhain, il prossimo 31 ottobre, ci aspetta una nuova configurazione molto particolare: di nuovo si apre la Porta per la discesa di codici di luce importanti. Ancora una volta i Segni Fissi mantengono aperto il contatto tra le dimensioni, facendo in modo che qualcosa di nuovo si radichi sulla Terra. 
Samhain è il momento in cui incontriamo ciò che di noi normalmente non riusciamo a vedere. E' un momento in cui aprire uno spazio a contenere il dimenticato, il rimosso, le scomodità e i disagi. Fare spazio, accettare, aprire, lasciare che sia.


Il Cielo di Samhain alle 05.15 del 31 ottobre ci prepara a questa fase. In quel momento Venere retrograda in Scorpione (leggi QUI) sarà a 00°, opposta a Urano retrogrado in Toro a 00° (gli amori del passato che ci hanno scarnificato, massacrato, sfiancato, possiamo lasciarli andare definitivamente? possiamo recuperare amore per noi stessi, libero dal bisogno di essere amati, di ricevere amore? possiamo amare noi stessi oltre l'approvazione dell'altro?). Importantissima occasione per ripulire il cuore ed aprirlo alla frequenza dell'Amore Vero!
Questo è il primo Asse della Croce dei Segni Fissi.
Il secondo Asse Leone/Aquario è così composto: Nodo Lunare Nord (punto di risveglio) a 00° Leone congiunto al grado alla Luna (sviluppare un senso di appartenenza dopo secoli di vagabondaggi in fuga da noi stessi); Nodo Lunare Sud (le memorie da lasciarsi alle spalle) in Aquario a 00° ci spinge lontano dalle situazioni intossicanti di dipendenza da un passato di smarrimento e sradicamento.

Nel portarci a contattare dimensioni opposte, Samhain quest'anno diventa un'occasione per maturare un senso di sé forte, radicato, presente. Il Femminile come sempre ci assiste grazie al transito di Venere (grazia e bellezza) in Scorpione e la Luna (saggezza) in Leone. Il nostro femminile, a prescindere dal genere di nascita, si attiva per spronare all'accoglienza di ciò che Urano mette in luce. Urano in Toro sta mettendo in luce la necessità di costruire una nuova vita. Dal 07 novembre torna in Ariete fino al prossimo marzo 2019. Esso ci ispirerà domande: la vita che voglio è veramente questa? voglio cambiare, quale direzione sto seguendo? quale strada sto percorrendo? Esso ci aiuta a mettere a fuoco le motivazioni sul perché stiamo facendo ciò che facciamo.

A novembre ci saranno tanti cambiamenti nei nostri Cieli interiori. Questo è un anticipo. La cosa importante, come sempre, è lasciare che sia. Così lasciamo noi stessi essere ciò che siamo. Lasciamo gli altri essere ciò che sono, lasciamo il mondo essere ciò che è (Deva Talasi Lombardi docet!).

Stefania Gyan Salila

sabato 20 ottobre 2018

PLENILUNIO IN TORO, 24.10.2018 - QUANTO RESISTERE ANCORA ALLA BELLEZZA OLTRE LA DIFFICOLTA'?



Questa è la mappa astrale del prossimo Plenilunio in Toro (01°) del 24 ottobre alle ore italiane 18.47. Non sono necessari tanti commenti nel prendere atto che la Croce dei Segni Fissi (Toro, Leone, Scorpione e Aquario) sta dando il meglio di sé in queste ultime settimane di permanenza.
Per chi non è esperto di astrologia, i Segni Fissi sono i 4 Segni che si sviluppano al centro di una stagione (maggio/agosto/novembre/febbraio) quando il clima non cambia e la sua fissità dà spazio al radicamento. Quando nulla si muove, si attiva la stabilità. Questa conformazione è iniziata a fine aprile 2017, si è rafforzata ad ottobre 2017 e ha toccato punte elevate di intensità la scorsa estate 2018. La sua funzione (come ogni volta che in Cielo Astrologico si attiva questa configurazione) è di radicare una frequenza che dal Centro della Galassia viene emanata verso il Sistema Solare, toccando le diverse orbite planetarie che la compongono. Noi dalla Terra riceviamo questo imprinting geometrico. 
Cosa comporta come effetto una Croce astrologica e le conseguenti Quadrature (aspetto di 90°) all'interno della sensibilità  umana? La Croce unisce due coppie di opposti, cioè attiva il senso di dualità. Di fronte ad un'opposizione, ad una diversità, a qualcosa di ignoto, molti umani reagiscono con un senso di repulsione o di rifiuto. Per cui non si permettono di accettare ciò che arriva e diventano irrequieti perché vorrebbero spostarsi, peraltro senza riuscirsi.
Ricordo che la dualità è una modalità di creazione che viviamo sulla Terra. I due poli, positivo e negativo, creano un campo elettromagnetico che diventa luogo di esperienza. Non è necessario vivere il senso di separazione, si tratta di un confronto, di uno specchio, di un richiamo. 
Le Quadrature vengono sperimentate come tensioni interiori perché si attivano quando due poli antitetici si mettono in relazione. Un polo mostra una situazione, l'altro un'altra che non va assolutamente d'accordo con la prima. Quanti conflitti interiori sentiamo in noi? Ecco l'effetto delle Quadrature. Io le definisco come gli scalini evolutivi: per superare un conflitto interiore, il disagio che esso provoca, il Ricercatore inizia il proprio Cammino: proprio grazie a questo aspetto. 
Così una Croce nel Cielo astrologico comporta inizialmente il senso di soffocamento e la disperazione di non vedere una via d'uscita - cioè attiva una tempesta che ha lo scopo di mostrare i limiti della nostra condizione attuale, le ombre della zona confort, i ristagni formatisi a causa dell'indugiare in situazioni statiche. Poiché nulla si muove fuori, poiché nel periodo in cui dura la Croce la vita sembra rimbalzare su se stessa miliardi di volte, sempre uguale e senza linfa, l'unico movimento che si rende possibile è chiudere gli occhi e scendere dentro. 
Ecco, dentro! A visitare gli antri oscuri resi disponibili da questo transito potente di Giove in Scorpione (ottobre 2017/novembre 2018) che ci invita a fare pace con ciò che non ci piace di noi stessi. Tra le altre cose, lo Scorpione è visitato dal 10 settembre 2018 da Venere (la Forza del Femminile Oscuro, la Donna che vuole riprendere il proprio ruolo legittimo di Maga, Strega e Guaritrice). Venere è in moto retrogrado dal 06 ottobre, quindi va a riportare a galla memorie e segreti nascosti, soprattutto ora che nel Plenilunio si trova congiunta al Sole (04°) ed opposta alla Luna Piena a 01° Toro. Anche se fa male, ricordare è fondamentale per rimettere a posto i pezzi e mettere ordine nella nostra vita, soprattutto a livello generazionale, nella relazione tra Madre e Figlia, nel passaggio dell'amore da Madre a Figlia (la relazione di opposizione tra Venere retrograda e Luna Piena). 
Venere retrograda è la Figlia che chiede alla Madre giustizia rispetto al passato, diritto di sentirsi protetta e garanzia dell'innocenza, poiché Venere è la Bambina, mentre la Luna è l'adulto che deve garantire protezione. Ciò vale anche per gli uomini, che in questo Plenilunio possono portare chiarezza nella loro relazione disfunzionale con le figure femminili, causata da antichi dissesti nella linea materna.  
Da non sottovalutare la congiunzione del Plenilunio con Urano retrogrado in Toro (00°), la dissoluzione dei confini ben noti della realtà: quella Madre/Luna sta perdendo i suoi riferimenti di ruolo perché ora non riesce più a sopportare il peso del passato che da sempre si porta dietro con un cieco senso del dovere e tenta di liberarsene, permettendo in questo modo una maggiore ampiezza di movimento anche alla Figlia/Venere.
Un invito ad intraprendere una nuova danza dentro i legami familiari.
Oltre a ciò, quello che viene portato a compimento dall'attuale Croce dei Segni Fissi è un processo interiore atto a recuperare la Verità del Cuore (Nodo Lunare Nord in Leone - uno dei 4 poli della Croce dei Segni Fissi). Questa configurazione sta giungendo al termine entro il 16 novembre prossimo.
Andando dentro, chiudendo gli occhi, visto che nulla si muove fuori, possiamo trovare radicamento per tutte le visioni, i sogni, le prospettive, a cui non abbiamo creduto abbastanza e abbiamo lasciato sfiorire (Nodo Sud in Aquario). Anche in questo caso, il processo si conclude il prossimo 16 novembre. Stiamo chiudendo una fase della nostra vita dedicata a lasciar andare i rimpianti lasciati dai sogni infranti. Veniamo invitati a non identificarci più con ciò che non ha potuto essere. 
Andare dentro significa superare la paura del cambiamento e lasciare aperta la porta interiore a ciò che sta arrivando, qualcosa che ci porta a manifestare la nostra realizzazione, raggiungendo un buon grado di libertà espressiva e di accettazione della realtà creata. Tutto ciò che spaventa noi umani immensamente. La vita segue un corso che noi stessi abbiamo impostato spesso inconsapevolmente. Prenderne atto aiuta a cambiare direzione, se necessario. I transiti astrologici sono mezzi per vedere più chiaramente su cosa focalizzarsi per mettere in atto questo passaggio. A ognuno la propria scelta.
Stefania Gyan Salila

mercoledì 10 ottobre 2018

AVVISO AI NAVIGANTI!!

DIPINTO DI DANIELLE BOODOO-FORTUNE
I corpi mutilati esprimono bene le ferite che ora si manifestano 
per essere viste ed eventualmente accettare ed amate

Stanotte, poco prima di mezzanotte la Luna Crescente sarà congiunta a Venere retrograda in Scorpione (10’): toccheremo le ferite emozionali ataviche, le crepe di infelicita’ ereditate dal nostro sistema familiare. Marte sarà un quadrato preciso al grado in Aquario: guarda dove ti risuona la sofferenza. Qualcosa necessita di essere espresso. Quelle antiche ferite vanno disinfettate per portarle a guarigione. Prendendosene cura, le guardiamo con compassione. Non sono nostre, non sono solo nostre. Le abbiamo prese come atto d’amore verso i nostri genitori, per aiutarli a liberarsi dalla propria sofferenza. Ora con un nuovo atto d’amore verso noi stessi, ce ne liberiamo. Marte prepara la via alla liberazione. Lasciamo il cuore aperto a questa disidentificazione.
Le parole giuste sono già lì. Dille. Libera il Chakra della Gola dall’oppressione. Questo è il messaggio della contemporanea
Opposizione tra Mercurio in Scorpione e Urano in Toro retrogrado (01’ entrambi). Un aspetto potente che apre nuovi aspetti di comunicazione - non è più possibile trattenere nulla. Lasciamo andare: emozioni, parole, sentimenti, identificazioni, maschere e scomodità.
Questa Geometria in Cielo non dura tanto ma segna sensibilmente il percorso su cui siamo ora. E’ il Serpente che perde la pelle. Tanto più siamo aperti, tanto più il processo sarà indolore.
Buoni sogni stanotte! 🌟🌟🌟

VIDEO DELLA CONFERENZA DEL 01.10.2018 - ASTROLOGIA E CAMBIAMENTO



Qui di seguito i tre video della Conferenza tenuta il 01.10.2018 sul Cambiamento in Astrologia e la gestione del Futuro - il Futuro non esiste. Mentre stai respirando, la qualità del tuo respiro determina ciò che accadrà tra 5 minuto e da lì nel tuo futuro.

Parte 1 - watch
Parte 2 - watch
Parte 3 - watch