mercoledì 1 agosto 2018

IL CORRIDOIO DELLE ECLISSI PROSEGUE FINO ALL'11 AGOSTO - LA CONSACRAZIONE DEL NUOVO



Sto provando sulla mia pelle la difficoltà di questo nuovo percorso di 14 giorni, dal 27 luglio all'11 agosto 2018. Da quando mi occupo di dare voce ai transiti astrologici, non mi ricordo di un Corridoio delle Eclissi così lungo. E così denso. E così faticoso. Fuori tutto rimane apparentemente uguale a se stesso. Dentro c'è la totale destabilizzazione, il vuoto, il senso di sospensione, il desiderio di voler riscrivere un copione senza la possibilità di conoscere ancora il significato delle parole che devono essere scritte.
Durante il primo Corridoio, dal 13 al 27 luglio, il percorso è stato sì intenso, ma anche frizzante, movimentato, motivato dalla visione di liberazione delle memorie che mi era arrivata il 14 luglio (leggi QUI  per approfondimenti). Dopo la potente Eclissi totale di Luna del 27 luglio è iniziato il secondo Corridoio che ci porta l'11 agosto all'Eclissi parziale di Sole in Leone, non visibile dall'Italia.  Tutto quello che abbiamo lasciato andare fino al 27 luglio ha lasciato tanto vuoto dentro di noi. Ora emerge ciò che era stratificato sotto, ed è possibile che densificazioni di malinconie e antiche tristezze trovino finalmente la via d'uscita dalle nostre cellule.
Dal 27 luglio l'atmosfera è cambiata. Mi sento sprofondare dentro il vuoto che si è creato. Sto viaggiando dentro un nuovo territorio. Mantengo ancora la rotta, ma il movimento è diventato molto più lento, tendente alla solitarietà, all'introspezione. Il corpo è infinitamente stanco, impegnato come è a lasciar andare. Lo sguardo è estremamente introiettato e mi accorgo dell'assenza che sto dimostrando nei confronti del mondo esterno. Come se al momento non ci fossi. Concentrata presenza, necessaria assenza. Questo stato delle cose è supportato dalla retrogradazione di Marte e Mercurio, pianeti collegati con la personalità, i cinque sensi, il desiderio di muoversi. Quando ciò accade, nulla accade fuori, ma ogni cosa si muove dentro. In realtà i pianeti retrogradi al momento sono ben 6: oltre a Marte e Mercurio, anche Saturno (la direzione di vita), Nettuno (richiamo verso l'Oltre), Plutone (occhio psichico) e Chirone (acquisizione di una maestria). Tanta forza viene utilizzata affinché quanti più cuori possibile si aprano al processo di divenire. Tutti questi pianeti sono al nostro servizio quale supporto del viaggio di rinascita delle cellule che si sono ripulite e liberate. Essi danno un senso a disagi e inciampi che si incontrano durante il passaggio da uno stato di coscienza ad un altro. Mi stanno arrivando aiuti immensi da anime sorelle che percepiscono il  disagio anche da distante e mi forniscono doni meravigliosi per traghettarmi al prossimo step con la minore fatica possibile. A loro sono infinitamente grata.
Il vuoto che si percepisce ora è la vita nuova che si sta facendo. Essa verrà consacrata l'11 agosto con l'Eclissi parziale di Sole in Leone, Segno di Fuoco, che suggellerà l'acquisizione di uno stato interiore collegato con la Verità del Cuore, valore fondamentale che simboleggia il Leone.
Proseguiamo anche se siamo stanchi, magari si può rallentare l'andatura, ma i passi non si fermano. C'è tanto in gioco: un nuovo corpo, il contatto sempre più consapevole con il Sé, l'adesione totale e sincera ad un profondo stato di pace interiore.
Stefania Gyan Salila

venerdì 27 luglio 2018

ECLISSI TOTALE DI LUNA IN AQUARIO - PRONTI A LASCIARE LE STRUTTURE MENTALI PER UNA VITA CENTRATA SUL CUORE?

Dipinto di Ilene Satala

Alle 22.20 ora italiana la Luna diventa Piena a 04,45° Aquario mentre il Sole si trova esattamente opposto a 04,45° Leone. Alle 22.22 l'Eclissi entra nel suo culmine, segnando un momento emozionale molto profondo.
La Luna in Aquario è portatrice di un retaggio culturale molto forte. L'Aquario è il Rivoluzionario, colui che combatte per la Libertà, vuole combattere per spingere sempre più oltre i confini dei rigidi schemi della mente umana. L'energia Aquario, rimanendo aperta alla visione del futuro, a ciò che è anticonformista e fuori delle regole, si irrigidisce a sua volta, quale parte ombra, nel difendere se stessa da un contatto ravvicinato ed intimo, preferendo schermarsi dietro l'intellettualità anziché provare l'esperienza fisica di per sé. L'energia Aquario è convinta delle proprie idee e non le mette in discussione. Essendo un Segno Fisso, esso deve piantare nuovi semi, costi quel che costi, anche se si tratta di una missione impossibile.
Quando la Luna è Piena in Aquario (di solito tra fine luglio ed inizio agosto), ed emana questo tipo di pavimentazione emozionale su cui camminiamo, il Sole in Leone è pronto ad accogliere tutto il processo, aprendo però il Cuore, punto focale di questo Segno di Fuoco. Il confronto tra Mente e Cuore è tipico di questo momento dell'anno, in cui veniamo messi in confronto con la nostra stessa rigidità, le prese di posizione, le strutture difensive poste dalla mente a protezione di una pancia molto poco frequentata, la sfera emozionale che rimane una sconosciuta per anni e anni, sede di vuoti che non lasciano scampo se non nel dimenticarsene, privilegiando la più rassicurante attività umana di raccontarsi ciò che si vuole sentire.
Il Sole in Leone funge da contenitore per la mente e per la negletta vita emozionale, accogliendo i bisogni inconsci e stimolando l'atteggiamento di apertura verso di essi. Il Cuore è lo spazio che ci concediamo a comunicare con tutti i nostri sé, le diverse parti che compongono l'intero quadro di ciò che siamo. 
In questo momento del Tempo tutto il processo viene enfatizzato dalla presenza di Marte retrogrado (03°) e del Nodo Lunare Sud (05°) in congiunzione al Plenilunio in Aquario. 
Marte dona intensità e grinta nello scendere in profondità nelle antiche battaglie. Fu vera gloria o combattemmo ciecamente? Dove ci portarono le nostre idee allora? Combattevamo perché credevamo nell'idea, oppure perché non riusciamo a vivere nella pace, tormentati da noi stessi? Possiamo lasciar andare l'aggressività nociva di chi non vuole guarire? Riusciamo a mettere oggi l'intenzione di arrenderci al flusso?
Il Nodo Sud in Aquario trasmette la visione di chi si è perso dietro splendide filosofie che parlano di Cielo e vita nuova, senza però agire per rendere concreta la visione sulla Terra. Quante volte ci siamo persi dietro bellissimi progetti smarriti nel vento? Dentro il nostro ventre, quanto posto ci concediamo per portare a realizzazione ciò in cui crediamo? Ma soprattutto, quanto ci crediamo? 
L'Eclissi prepara alla liberazione da tutto ciò che è rigidità, schematizzazione, difesa dall'amore. E' un momento molto potente. Il Cuore può accogliere il senso di arrendevolezza, possiamo tornare a Casa, dentro di noi, lasciandoci alle spalle secoli di memorie di guerre e ferite che sentivamo essere indelebili. Ora ci siamo. Rendiamo questo momento sacro dentro di noi. Che questo sia un inizio e che non si perda. La frequenza di apertura che sentiamo oggi, respiriamola dentro le cellule e lasciamo che diventi stato di coscienza permanente per proseguire il viaggio nell'andare a prendere ciò che è nostro per diritto di nascita. Da domani entriamo in una nuova fase del viaggio che prosegue fino all'11 agosto, portale di chiusura del Corridoio delle Eclissi iniziato il 13 luglio. Stiamo dentro di noi, custodiamoci, proteggiamoci dalle nostre stesse rigidità, provando compassione per le parti fragili rimaste a lungo dimenticate. Esse sono la nuova Essenza, l'amore ritrovato a lungo inseguito negli sguardi della gente. E' già tutto lì. Ma noi lo sapevamo, vero?
Stefania Gyan Salila

mercoledì 25 luglio 2018

CELEBRANDO LA FESTA DI MARIA MADDALENA - IL VIAGGIO NELL'UNIONE SACRA DELLA RELAZIONE



In onore della Festa di Maria Maddalena condivido alcune riflessioni sul valore del Matrimonio Alchemico tra la Donna e Uomo, come frutto del percorso verso l'Unità Interiore e l'acquisizione dello stato di coscienza dell'Androginia, maschile e femminile in perfetto equilibrio:
La donna è il contenuto dell’uomo, lui è il contenitore, la protegge e fa in modo che lei possa fiorire. Lei si sentirà vista, amata, apprezzata, si fiderà e porterà i frutti del mutuo amore alla massima manifestazione
Le donne sono portatrici sane di Vuoto, il grande Vuoto creativo contenuto all’interno del loro ventre. Questo è l’athanor, il laboratorio alchemico dove avviene la piccola esplosione nucleare che dà inizio alla Vita
Gli antichi alchimisti erano sempre affiancati da una donna, la Sorella Mistica, cosicché nell’unione delle due metà complementari si formasse il sacro cerchio.
La donna è l'angelo del focolare, custode del fuoco che mantiene viva la relazione; l’uomo agisce affinché nulla e nessuno metta in pericolo la donna nella sua meditazione interiore. 
L’uomo e la donna creano allora un’unione sacra tra i cuori in una promessa di cura e presenza reciproca.
La donna è anche il contenitore del cuore dell’uomo, che viene trasformato dal calore del sacro fuoco dell’athanor, il laboratorio alchemico interiore.
L’uomo protegge la donna e si sente protetto da lei nella sua parte più fragile, quella di cui spesso egli stesso si vergogna. 
Ogni volta che l’uomo permette alla donna di accoglierlo tra le braccia portandole la propria parte vulnerabile, quell’uomo è nell’amore totale perché smette di avere paura. 
La comunione raggiunta in quel momento dai due cuori è sublime e lì avviene la fusione profonda; entrambi si disfano delle proiezioni reciproche, diventano adulti, si accettano per ciò che sono e si abbandonano all’altro.
Lei danza e lui protegge la sua danza, imparando da lei i passi dell’ardore del sognare. A sua volta lui le insegna ad essere cauta e coraggiosa come un guerriero affinché possa andare sicura nel mondo.
Mutuo sostegno nel cammino dell'incontro con l'Altro all'interno del sé, per sollevare il velo dell'illusione del senso di separazione.
Stefania Gyan Salila

24.07.2018 - PORTARE ORDINE TRA LE CATEGORIE ILLUSORIE DELLA VITA - VENERE IN VERGINE OPPOSTA A NETTUNO IN PESCI








PICTURE BY PONYO


Proprio oggi, ultimo giorno dell’anno solare-galattico del Seme Cristallo, Venere si trova a 16’ della Vergine, portando senso di distacco e ordine nelle escandescenze emozionali di questo Corridoio delle Eclissi che tanto sta attivando, o almeno un tentativo di moderazione per mantenere la direzione nel processo di lasciar andare. 
La sua forza si mostra estremamente sincronica perché Venere crea opposizione con un Archetipo planetario potente, la Grande Madre rappresentata da Nettuno a 16’ dei Pesci. Nettuno e’ ospite scomodo nella vita quotidiana perche’ tende a creare un opprimente senso di confusione e smarrimento, soprattutto ora che si trova in moto retrogrado. I suoi doni sono la Compassione e la Sacralità, funzioni ancora abbastanza lontane dallo stato di coscienza collettivo. Per questo nasce la confusione. Essa emerge dalla resistenza che facciamo all’apertura del Cuore, ad un movimento naturale e spontaneo della Coscienza che vuole espandersi ed includere.
Il bisogno d’amore crea tante compensazioni che diventano fughe dalla realtà; costruiamo interi mondi illusori che reggono solo su ciò che vogliamo vedere o meglio, su ciò che ci sforziamo con tutti noi stessi di non vedere. Ecco di nuovo la confusione. 
L’opposizione di Venere in Vergine crea un raggio di equilibrio tra realtà e illusione. Il Femminile Gentile incontra la Grande Madre e la supporta nel trovare il proprio posto nella Coscienza Collettiva. Che la confusione lasci il posto all’amore, che la paura diventi l’argine dentro cui farsi fluire, diventando dapprima alleata e amica, fino a trasformarsi in qualcosa che guardiamo da lontano, mera funzione della mente senza presa sulla nostra vita.
Che la Femminilità Sacra riacquisti il posto che le compete, ad alimentare i Sogni e a dare forza per creare una realtà vasta, immensa e ricca.
Stefania Gyan Salila

giovedì 12 luglio 2018

NOVILUNIO ED ECLISSI PARZIALE DI SOLE IN CANCRO - IL VUOTO FIORISCE NELL'INCONTRO DEGLI OPPOSTI


Inizia il 13 luglio 2018 il Corridoio delle Eclissi estive tra Cancro e Aquario e Leone, Elemento Acqua, Aria e Fuoco, emozioni, idee e trasformazione, corpo emozionale e corpo astrale da ripulire, purificare, compattare. Allineare i pensieri e le emozioni serve a creare uno specchio d'acqua interiore calmo e ricettivo, dentro cui far transitare le onde di informazioni esterne, scaricandole poi verso il Centro della Terra. L'Elemento Fuoco aggiunge la possibilità di andare a trasformare definitivamente il ruolo umano qui sul pianeta, stimolando a vedersi quali fautori del cambiamento, agenti in missione per un Bene supremo.
Gli umani hanno la funzione di mantenersi quanto più puri e neutri possibili per scaricare verso il Cuore di Cristallo del pianeta i codici di luce in arrivo dal Centro della Galassia. Molti di noi sono qui solo per questo. Come raggiungere l'obiettivo non è importante; non conta tanto come lo si faccia; ciò che conta è impegnarsi a mantenere il canale quanto più libero ed aperto possibile, per rendere un servizio degno di questo nome, trovando così un senso ed un contesto che va oltre i bisogni del piccolo ego. In questa visione è possibile anche sviluppare un senso di unità con gli altri umani, iniziando a sentirsi parte di un team, un equipaggio composto da tanti membri, ognuno indispensabile ed insostituibile, perché portatore di una frequenza unica e specifica, necessaria a raggiungere un dato stato di coscienza. 
L'Eclissi parziale di Sole non sarà visibile dall'Italia (qui il LINK per approfondimenti) ed avverrà intorno alle 01:48 UTC (secondo timeanddate.com), mentre il Novilunio in Cancro a 20° avverrà poco dopo (l'App Kairon lo mette per le 03:48 UTC). Ricordo che durante il Novilunio il Sole e la Luna sono congiunti, stimolando l'intelligenza a ricercare uno stato di unità interiore forte a livello emozionale (Cancro, Elemento Acqua).
L'Eclissi parziale di Sole ripropone la necessità di allontanarsi da schemi mentali legati al bisogno di difendersi dalla vita. Il Cancro è il Segno simbolo dell'Intimità. Dovunque si trovi nella nostra mappa di nascita, esso rappresenta il modo in cui entriamo in connessione con l'altro, quanto ci permettiamo di aprirci e di condividere le profonde emozioni che fluiscono in noi, attraverso cui ci esprimiamo.
Questo movimento diventa molto forte ora perché interessa l'Asse Cancro-Capricorno, i due Portali di ingresso ed uscita delle Anime dalla Terra. Infatti sia l'Eclissi parziale che il Novilunio avverranno in opposizione a Plutone a 20° Capricorno e Luna Nera a 27° Capricorno. La Vita (Cancro, simbolo della gravidanza e della maternità) si unisce alla Morte (Capricorno, la trasformazione insita in ogni ciclo vitale) per aiutare la coscienza umana ad eseguire un salto oltre le illusioni della materia.
Il Corridoio delle Eclissi diventa uno spazio temporale immenso in cui livellare il ruolo della paura nella nostra vita. 
Il Sole e la Luna in Cancro sono il Maschile ed il Femminile nella loro accezione di Luce, due polarità opposte che si uniscono per creare vita, il positivo ed il negativo che creano un campo elettromagnetico dentro cui fare esperienza. L'Elemento Acqua sta alla base del processo di creazione. 
Plutone e la Luna Nera in Capricorno sono il Maschile ed il Femminile nella loro accezione profonda ed oscura, inconscia. Rappresentano le ombre che i due Amanti proiettano l'uno verso l'altro, le paure che non riusciamo ad accettare, di cui incolpiamo l'altro, perché affrontarle richiede una presa di responsabilità ed una maturità che ancora fatichiamo ad incarnare. 
Questo quartetto di Archetipi crea un canale molto forte che tiene l'umano fermo finché non gli/le sarà possibile portare tutto al Centro, e da lì, facendo pace con ciò che è (non è possibile nessun altro movimento almeno fino a novembre, grazie alla presenza della Croce dei Segni Fissi) fare il download al Centro della Terra di questa frequenza che attiva la volontà di superare il senso di separazione ed alienazione. 
Andando a guarire una modalità, essa diventa molto forte nel nostro stato di coscienza. Se ci sentiamo dilaniati da una scelta, se ci sentiamo sfidati e tirati da parti opposte, siamo proprio in questo processo. Quindi non c'è nulla di strano che sta accadendo, ci troviamo dentro il processo di accettare gli opposti quale parte necessaria, grazie alla quale diventare integri e realizzati.
Il Corridoio delle Eclissi termina l'11 agosto con l'Eclissi parziale di Sole in Leone, Elemento Fuoco, passando prima per l'Eclissi totale di Luna in Aquario il 27 luglio, l'indomani del Nuovo Anno Solare-Galattico, che quest'anno va a chiudere un ciclo di 13 anni.
Di tutto questo ne scriverò a suo tempo.
Nel frattempo vi invito a non reagire alle emozioni, a vedere il disegno d'insieme e non il singolo pezzo apparentemente insormontabile. Se l'insegnamento prevede il superamento della dualità, è chiaro che faremo esperienza proprio di quello. Respirare, osservare e non reagire. Questo è il consiglio. Altrimenti creiamo un ulteriore campo mentale strutturato assolutamente non necessario.
Buon Viaggio fino alla fine dell'Arcobaleno
Stefania Gyan Salila

sabato 30 giugno 2018

LUNA IN CAPRICORNO CONGIUNTA A LUNA NERA NEL GIORNO DELLA NOTTE BLU COSMICA, KIN 143 - CONOSCI IL PREZZO DEI TUOI SOGNI?



Nella notte tra il 29 ed il 30 giugno la Luna in Capricorno è entrata in congiunzione con la Luna Nera, un punto molto interessante a livello emozionale, perché può far dato la stura a forti contrasti interiori, reazioni di stizza e di chiusura generalizzate, decisioni repentine di portare a termine situazioni che impediscono la libera espressione personale. 
Successivamente essa entra in Aquario e crea una tensione interiore (Quadratura) con Urano in Toro.
Dove finisce il senso di ampio respiro per costringere il movimento dello Spirito dentro automatismi privi di emozione? Quale ferita stiamo proteggendo nel dimenticarci della bellezza della libertà? Non esiste separazione, non esiste abbandono. Stiamo solo reiterando il momento di distacco dall'Amato, da quella parte lasciata altrove, la cui riscoperta è di solito il risultato di qualunque viaggio avventuroso decidiamo di intraprendere mentre viviamo su questo pianeta. Il trauma della nascita è l'abbandono di uno stato di coscienza ideale in cui abbiamo vissuto in totale meditazione e connessione, mentre il corpo fisico cresceva e si faceva coppa contenitiva per ospitare la luce della Fiamma che ci anima. E continuamente riproponiamo a noi stessi quel trauma, come se solo attraverso quel ricordo possiamo emozionarci e risvegliarci da un'esistenza fatta di strategie mentali prodotte per proteggerci dalla nostra stessa salvezza.
E allora ci scegliamo partner che ci abbandonano, o situazioni in cui non ci sentiamo riconosciuti, o che provocano lo smarrimento di non riuscire a trovare il proprio posto nella vita.
Possiamo fare pace con questa modalità distorta che spesso utilizziamo per ricordarci di noi stessi?
Sarebbe anche ora di dissipare le nebbie per comprendere che la sofferenza spesso nasce dalla difficoltà di accettare un flusso spontaneo e naturale della vita che si sta facendo attraverso di noi. Non si tratta di sminuire la drammaticità di alcuni passaggi profondi ed impegnativi, ma di ritrovare un centro da cui poter gestire il modo in cui abbiamo deciso interiormente di voler effettuare quel passaggio. Respirando si può modulare l'intensità della vita - respirando si possono attraversare le situazioni sentendole dentro il corpo, e da lì si possono ricevere intuizioni ed ispirazioni su come e verso dove dirigere i propri passi. Lo smarrimento arriva nel momento in cui lo stato di coscienza su cui siamo sintonizzati non ci basta più per comprendere ciò che sta accadendo. Allora i sensi si bloccano, tutta l'attenzione si disperde e torniamo bambini perduti senza una guida, senza una figura genitoriale che ci aiuti a risolvere la bua. Stare in quello stato è fondamentale: c'è chi diventa catatonico, chi irrequieto e comincia ad agire subito buttandosi in mille attività, chi fuma, chi mangia, chi grida. Non importa. E' fondamentale liberare la parte istintiva e selvaggia perché in quel momento siamo nudi nella nostra verità di fragilità. Poi da lì emana qualcosa, una forza, una verità ancora più forte che ci richiama alla vita: ecco che improvvisamente le priorità cambiano e la sensazione diventa: non ho più nulla da perdere. E sentiamo di essere diventati invincibili.
Tutto questo accade e si muove dentro mentre, in base al Sincronario Galattico, si chiude l'Onda della Scimmia, lo spazio temporale di 13 giorni che ha aperto lo sguardo verso un diverso senso dell'esistenza, mettendo in luce cose che non potevamo vedere prima. L'Onda si chiude con la Notte Blu Cosmica, Kin 143. Essa ci pone una domanda diretta: hai forse rinunciato ai tuoi sogni per timore e poca fiducia in te stesso? Quanto ti è costato?
Sei disposto a rivedere la relazione con te stesso, mettendoti al centro della tua vita, dando alle tue priorità un diverso ordine da quello attualmente in corso? Riesci a direzionare la tua vita verso qualcosa che ti faccia sentire vivo? Quali sono i tuoi sogni? Dentro di te c'è un no o un sì verso la vita?
Non sono domande facili, ma questi passaggi ci aiutano ad liberare il Sognatore chiuso dentro di noi. Tutti noi abbiamo il Sognatore interiore. E' quella parte che sogna noi stessi che viviamo. E' un lato che deve essere nutrito, affinché le immagini che produce siano brillanti, splendenti ed abbiamo tanta forza. Da qui vengono emanate le frequenze che si trasformano negli eventi che viviamo. Che sogno vogliamo sognare? Nessuno può farlo al posto nostro. Dunque, se non noi, chi? E se non ora, quando? 
Domani inizia l'Onda del Seme Giallo, Kin 144, altro magico viaggio nella Fioritura del Sé.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

martedì 26 giugno 2018

28.06.2018 - PLENILUNIO IN CAPRICORNO CONGIUNTO A SATURNO RETROGRADO NEL GIORNO DEL DRAGO ROSSO SPETTRALE, KIN 141 - APPOGGIA LO SGUARDO SULLA TUA ESSENZA

OPERA DI AMANDA SAGE


Alle 05.52 UTC di giovedì 28 giugno la Luna diventa Piena a 06° Capricorno, strettamente congiunta a Saturno retrogrado a 05°. E' un Plenilunio che attiva una forza diretta, centrata, radicata, che non ammette deviazioni, che prepara gli obiettivi, che chiama alla presa di responsabilità, che non ammette lamenti né vittimizzazioni. E' una Luna motivata a ritrovare il punto della questione in un momento di grande fermento. 
Qual è il fondamento? chiede. 
Dove vuoi arrivare?
Cosa ti manca per arrivare?
Non distrarti, guarda avanti e mantieni gli occhi focalizzati su ciò che ti prefiggi.
Ora è molto importante mantenere la radice, il senso pratico, accorgersi dei limiti che costruiscono un argine dentro cui muoversi e ci danno un margine che ci definisce anche se momentaneamente. E' un periodo in cui avanziamo passo dopo passo quasi senza certezze: oggi ci sentiamo in uno stato che però non sappiamo quanto possa durare. E' un'evanescenza, un'esfoliazione di situazioni emozionali che si trasformano continuamente. Molto interessante, devo dire, e da vivere in piena meraviglia e creatività. 
Possiamo consapevolmente essere testimoni di tutto questo divenire ed ammirare il frutto di tanti anni di lavoro interiore manifestarsi da dentro a fuori.
Si tratta del primo Plenilunio con 5 pianeti retrogradi in Cielo: abbiamo proprio bisogno di un fulcro da cui partire verso l'annuale ciclo di riflessione e meditazione. Lo scrivo sempre: tra giugno e settembre, poi a continuare fino a fine anno, tutti i pianeti lenti entrano in retrogradazione. Il naturale movimento orbitale inizia a indietreggiare lungo i gradi zodiacali appena percorsi. Come poter proseguire avanti nella nostra vita? Tutto si ferma dentro e fuori; la vita prosegue, sì, ma con un ritmo diverso. La leggerezza estiva nel nostro emisfero si accompagna anche con una sorta di impossibilità di svolgere i soliti compiti a causa della necessità di mollare la presa del fare e del portare a compimento per abbandonarsi alla contemplazione, attivando un altro livello dell'essere.
Il muoversi da questa dimensione non è mai semplice perché non siamo usi, nonostante la ciclicità, a esplorare il sottobosco interiore. Piuttosto ci si perde in dibattiti con il mentale e la testa si riempie di tante parole. Invece l'invito è alla semplificazione e al silenzio. Guardare senza giudizio, potendo. Prendere atto. Lasciare che sia.
La Luna Piena in Capricorno è maestra in questo, congiunta con il Maestro dell'Anima, che la rende ferma e decisa. E' un'energia che aiuta nei tagli e nelle decisioni drastiche, nonostante tutto. Contiene  e placa gli sbalzi umorali causati dai pianeti retrogradi e ci rende più distaccati e consapevoli.
Secondo il Sincronario Galattico delle 13 Lune il 28 giugno cade nel giorno del Drago Rosso Spettrale, Kin 141, che è l'Essenza che si manifesta in uscita dalla Colonna Mistica. Il Kin 141 infatti è il primo Kin dopo la conclusione dei 20 giorni della Colonna Mistica (Kin 121/140 - 08/27.06). Dopo un tale viaggio, cosa rimane di noi? Quanto spazio abbiamo potuto creare affinché qualcosa di atavico potesse emergere? La nostra parte Drago è forte, potente, centrata, è antica. Possiede sincronicamente le stesse qualità della Luna in Capricorno. Siamo fermi nel prendere atto, nel riconoscere la forza o la debolezza. Onoriamo ciò che siamo perché non possiamo fare altrimenti. Viviamo ciò che siamo per onorare lo sforzo di essere ciò che siamo. Affinché lo sforzo piano piano sia facilità e fluidità.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila