giovedì 21 giugno 2018

SOLSTIZIO D'ESTATE NEL GIORNO DEL MAGO BIANCO AUTO-ESISTENTE, KIN 134 - LA PORTA NEL PORTALE E LA COLONNA MISTICA


Il 21 giugno alle ore 11.07 UTC il Sole entra a 0° del Cancro, aprendo la porta del Solstizio d'Estate. In quel momento nel Cielo astrologico è attiva la Croce dei Segni Fissi, con Urano ad 01° del Toro, Giove retrogrado a 13° Scorpione, i Nodi Lunari a 08° Aquario (Sud) e Leone (Nord), Venere a 08° Leone, Marte a 09° Aquario.
I quattro Segni Fissi sono arrivati a formare la Croce già da maggio, un aspetto che rappresenta un varco nel mentale collettivo attraverso cui qualcosa di nuovo e potente sta entrando per stimolare un cambio di coscienza. E' un aspetto che porta radicamento ed integrazione. E' necessario misurarsi con l'apertura del proprio Cuore, sul senso dell'Accettazione (quanto siamo in accettazione, quanto facciamo resistenza ancora?)
Toro, Leone, Scorpione e Aquario sono anche simbolo dei 4 Evangelisti ritratti nell'Arcano Maggiore del Mondo, a significare le 4 Forze che mantengono in vita il Cosmo (anche secondo l'Astrologia Cabalista è così). I 4 Evangelisti nell'Arcano del Mondo raffigurano il Compimento dell'Opera Alchemica. Siamo ora pronti a diventare la Ricerca che stiamo portando avanti da sempre. E' un punto fondamentale ora. Forse non riusciamo ancora a percepire tutta la Bellezza del momento, ma non importa. Essa saprà manifestarsi nel giusto momento.


Da ieri l'atmosfera è decisamente cambiata. L'inizio di giugno era stato molto leggero rispetto ad aprile e maggio, poi l'aria si è fatta pesante e rarefatta. Il mio corpo sta arretrando a chiedere riposo e silenzio. Stanotte il sonno è stato molto disturbato e la sensazione nel dormiveglia era di passare attraverso un filtro che ripuliva e alleggeriva. Stamattina va molto meglio, ma la mente è ancora appesantita, bisognosa di ristoro, di acqua, di fluidità.
La Croce dei Segni Fissi, così forte nel giorno del Solstizio, ci chiede di respirare e di lasciar approdare all'interno dei corpi energetici qualcosa di fresco, di nuovo, qualcosa che va a compattare ciò che siamo, che ripristina un equilibrio forse mai conosciuto. Per fare questo si passa attraverso l'eliminazione degli strati emozionali ed egoici più densi. Ogni portale che si apre presume un'operazione di questo tipo. Il corpo fisico è poi estremamente sollecitato, in quanto i Segni Fisici chiamano tanto la sfera fisica. 
Questa intensità che ci chiede di rimanere e radicare, anziché spostarci continuamente, avrà una sua conclusione con la potentissima Eclissi Totale di Luna in Aquario il prossimo 27 luglio, che porterà via tutte le tossicità (a qualunque livello) da cui ancora non riusciamo a staccarci, nonostante tutto. Esplorerò questo aspetto nei dettagli più avanti.
Ci stiamo avvicinando anche al momento in cui ci sarà un grande numero di pianeti retrogradi (moto all'indietro rispetto all'orbita intorno al Sole). Accade ad ogni estate a luglio ed agosto, portando con sé l'occasione di rivedere ciò che è accaduto e di lasciarlo andare. Poiché questa operazione è ciclica, stiamo ormai toccando gli strati più densi di sé, dove non eravamo mai riusciti a posare lo sguardo. Ci vuole molta delicatezza, ma contemporaneamente nasce un'enorme forza, grazie alla quale non ci sposteremo più dalla posizione di auto-consapevolezza acquisita.
In base al Sincronario Galattico delle 13 Lune ci troviamo oggi nel quarto giorno dell'Onda Incantata della Scimmia Blu, Mago Bianco Intonante, Kin 134, la capacità di stimolare la forza immaginativa per creare un mondo che si muove al ritmo della frequenza del Cuore. Tutta l'Onda di Scimmia ci sta portando lì; essa ha questo compito. Ci troviamo ancora nella Colonna Mistica dello Tzolkin, piano piano stiamo scendendo a terra, però ancora ci libriamo nel magico volo. Il Solstizio dentro la Colonna Mistica costituisce un momento veramente speciale per interagire con forze più grandi di noi, che rappresentano pur sempre ciò che siamo, ma ad una vibrazione altissima ed estremamente luminosa. Potremmo ricordare anche esistenze in cui abbiamo incarnato esattamente quel tipo di frequenza.




Ieri abbiamo interagito con il Viandante dei Cieli Rosso Elettrico, Kin 133, che ha smosso tante coscienze. In effetti tantissima gente mi ha scritto per fare domande al proposito. Il Viandante Elettrico stimola, muove, attiva e richiama alla mente la nostra missione primaria, quella di Viaggiatori del Tempo che volontariamente hanno deciso di arrivare qui a risvegliare la memoria dei terrestri e del pianeta per attivare il Corpo di Luce della Terra. Ecco perché tanti si sono sentiti attratti ed incuriositi dal Kin 133.

Il Solstizio d'Estate 2018 ci invita a lasciarci attraversare. Respiriamo e osserviamo il nostro divenire. Accorgiamoci di ciò che accade e lasciamo che sia. Lasciamoci essere, immersi nel non-fare, nel sorriso interiore, nella forza della vita che si fa attraverso di noi.

In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

domenica 17 giugno 2018

LA DANZA DELL'AMORE TRA RESA E RESISTENZA - VENERE E MARTE OPPOSTI NEL GIORNO DEL CANE BIANCO COSMICO, KIN 130


Dal 17 al 26 giugno è in atto una Danza d'Amore in Cielo, che è l'opposizione di Venere in Leone a Marte in Aquario. I due Amanti Cosmici si sfidano su un terreno polarizzato per tessere una rete d'amore e di connessioni atte a raggiungere l'unità. Riusciranno i nostri eroi umani a superare il senso di separazione e conflitto, guardando oltre i piccoli sé per arrendersi a qualcosa di più grande?
Venere in Leone enfatizza il piacere di esplorare la Verità - ci sentiamo infiammati da una spinta ardente a ricercare situazioni in cui possiamo riconoscerci e sentirci a Casa. Chiunque rappresenti la vecchia zona confort viene rifiutato; abbiamo fatto tanta fatica ad arrivare dove siamo ora, a nessun costo desideriamo tornare indietro.
Marte in Aquario permette di verificare la veridicità di vecchi assiomi, l'efficacia di tutte quelle credenze che abbiamo eretto intorno a noi quale strategie di sopravvivenza quando non potevamo fare di meglio. Il Cuore si sta aprendo ora. Oppure si è aperto da poco. Fino a ieri abbiamo avuto bisogno di tanti castelli strutturati dentro cui rifugiarci, grazie ai quali siamo giunti fin qui.
E' interessante notare come questa nobile Opposizione è congiunta ai due Nodi Lunari sull'Asse Aquario-Leone. La Danza d'Amore si arricchisce di valori transpersonali. Non riguarda solamente la vita sentimentale umana, anzi essa viene nobilitata e diventa il territorio di esperienza su cui erigere delle nuovi basi, le fondamenta di un'esistenza che non prescinde più dalla relazione del singolo con il proprio Campo del Cuore. 
Da maggio 2017 a novembre 2018 i due Nodi Lunari, portatori di un senso profondo di risveglio e ricerca spirituale, viaggiano lungo l'Asse Aquario/Leone. La valigia piena di memoria (Nodo Sud in Aquario) contiene uno stato di coscienza teso alla fuga dalla realtà. Quante volte ci siamo rifugiati nel percorso spirituale senza andare veramente nel profondo? Quante volte abbiamo consegnato il potere del nostro risveglio ad un seminario, ad una tecnica, ad un maestro, senza mai aprire sinceramente il Cuore, ma demandando la responsabilità delle nostre scelte fuori?
Il Nodo Nord in Leone risponde che ora solo ciò che è vero e sentito continua a vivere, il resto si destruttura, cambia forma, tende all'evanescenza.
Cosa porta nelle nostre vite questa doppia Opposizione di Venere congiunta al Nodo Nord in Leone e Marte congiunto al Nodo Sud in Aquario? Le relazioni sentimentali diventano parti imprenscindibili del cammino di risveglio. In questo momento il partner diventa lo strumento che la Vita sta usando per metterci in confronto con le resistenze che erigiamo rispetto alla guarigione delle antiche ferite. Stiamo forse reagendo in maniera esagerata alla vita? Spesso questo significa che c'è una profonda ferita nascosta. Il partner diventa dunque il mezzo attraverso cui mettere a fuoco ciò che finora non eravamo riusciti ad individuare. Inutile reagire, è tempo di rendersi conto di come attraverso il partner  ci stiamo profondamente risvegliando. Meglio respirare e abbandonarci al processo.
Un'altra situazione che si sta aprendo (perché i territori umani sono tanti, molto diversi e vasti) veniamo ispirati alla resa totale all'altro, alla dolcezza, all'innamoramento nonostante tutto. La verità del Cuore di Venere in Leone è potente e ci si resiste con difficoltà.
La cosa importante è leggere gli eventi oltre il piccolo Sé ed arrendersi all'invito di un processo di iniziazione che passa attraverso l'accettazione dell'altro così com'è. Non è forse così che possiamo accettare noi stessi per quello che siamo?
E per chi non si sta confrontando con un partner, chi non si trova in relazione, la chiamata è di guardare in volto quella parte di sé che teme la fusione ed il confronto, o fa difficoltà a fidarsi, o è troppo ferita per aprirsi nuovamente. Guardare per prendere atto, possibilmente senza giudicarsi perché si è soli, senza sentirsi vittime delle circostanze. Abbracciare quel vuoto e quella stanchezza di essere soli ed arrendersi totalmente ad essi. Stiamo destrutturando tutte quelle parti strette e scomode. A volte ci abbiamo costruito dentro nidi e cucce difficili da abbondare, nonostante la solitudine. Uscire da lì spaventa ancor di più e la sofferenza si sente. 
Sia che ci si trovi in coppia o single, possiamo immaginare di attraversare un processo di esfoliazione che rimuove strati cornei della personalità - subito dopo l'essere respira più libero. Possiamo darci questa occasione?
Dal punto di vista del Sincronario Galattico delle 13 Lune siamo in un momento speciale: finisce oggi l'Onda Incantata dello Specchio Bianco con il Cane Bianco Cosmico, Kin 130, che è la resa all'Amore. Quando Amore bussa, nessuno può resistere. Il Cane Cosmico ci permette di vedere che ogni evento ha un risvolto molto più profondo che vale la pena di indagare. Ci sono miliardi di connessioni sincroniche dietro ogni accadimento che rendono la vita immensa. Il Cane Cosmico è la frequenza dell'Amore che viene soffiata sulla Terra dai Venti Solari per elevare la sua frequenza ed attivare il Corpo di Luce del nostro pianeta. 
Il Kin 130 è il punto centrale della Tzolkin, il Modulo Armonico galattico. 



Siamo nel Cuore del Cuore della trasmissione energetica e telepatica in emanazione da Hunab Ku, l'Eterno Datore di Movimento e di Misura al centro della Galassia. Respirando, lasciamo che queste informazioni piantino nuovi semi di consapevolezza, poi il resto verrà da sé.




In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

giovedì 14 giugno 2018

AFFRONTARE I BISOGNI PER PORTARE GUARIGIONE - LUNA IN CANCRO QUADRATA A CHIRONE IN ARIETE NEL GIORNO DELLA MANO BLU PLANETARIA, KIN 127

IMMAGINE DI CAROL CAVALARIS

La Luna Crescente sta proseguendo il viaggio verso il Solstizio d'Estate del 21 giugno. Dopo il Novilunio in Gemelli oggi sta transitato nel Segno del Cancro, di cui è Governatrice, mettendo l'attenzione sull'importanza del nutrimento. La Luna presiede a questo, essa è una Madre che nutre i propri figli a livello emozionale, dona loro cura e attenzione, stabilendo le basi della struttura su cui successivamente si eleva l'edificio della relazione umana con il concetto del ricevere. Nutrirsi è anche aprirsi a ricevere per farsi nutrire, quindi sentire di poter ricevere abbondanza, ricevere cose buone per noi, appaganti e piacevoli. La vita ci appartiene per diritto di nascita e con essa tutta l'abbondanza possibile.
La Luna nella nostra mappa rappresenta l'archetipo materno - quanto ci sentiamo nutriti? cosa ci fa sentire nutriti? In base alla posizione ed al segno in cui si trova, ma anche agli aspetti che crea con le altre orbite planetarie è possibile stabilire importanti paradigmi che ci guidano a livello inconscio.
Nutrimento, cura, attenzione, protezione ed anticipo dei bisogni sono i 5 punti fondamentali che ciascun bambino chiede vengano soddisfatti. Se ciò non accade, il bambino, crescendo nell'adulto, proietta le sue richieste costantemente verso il mondo esterno senza neanche accorgersene.
In questo periodo Chirone, il Guaritore, si trova nel Segno dell'Ariete, che rappresenta il sé ricercatore, ma anche il bambino insicuro in cerca di conferme. La configurazione nella sua lunga durata (9 anni) ci aiuta ad affrontare quella parte interiore che si affaccia timidamente cercando il proprio posto dentro di noi, ricevendo finalmente quell'attenzione e quella considerazione a lungo inseguita. 
La Luna Crescente in Cancro, nel suo cammino verso il Solstizio, forma oggi una quadratura perfetta al grado con Chirone in Ariete, mettendo in sollecitazione le nostre parti bisognose. A volte ci sentiamo tirati indietro da qualcosa che avremmo già voluto sciogliere. Spesso vorremmo già essere più autonomi, percepire meno disagio interiore, sentirci meno reattivi di fronte alle svolte esistenziali.  Ecco, forse è stata una giornata tesa, forse avremmo voluto fluire in modo più morbido dentro gli eventi. Tuttavia, spostando leggermente la prospettiva, proviamo a rivedere ciò che è accaduto come la manifestazione di qualcosa che necessita di essere guarito. Abbiamo assistito alla messa in scena di un dramma intimo che si rivela per essere portato a consapevolezza. Intanto. Poi nel tempo il quadro potrebbe cambiare. Ora è tempo di prendere atto. In base al Sincronario Galattico delle 13 Lune siamo nell'Onda dello Specchio, stiamo vivendo nel riflesso, davanti alla superficie bianca che non può essere cambiata rispetto a ciò che ci vediamo proiettato. Oggi, 14 giugno, stiamo vivendo dentro l'energia della Mano Blu Planetaria, Kin 127, che simboleggia la capacità di portare a realizzazione le comprensioni percepite negli ultimi giorni, dal 05 giugno in avanti. Prendendo atto di ciò che è, possiamo modificare ciò che è, nel momento stesso in cui ci accorgiamo della vera natura di ciò che è. Ogni volta che si rivela un disagio, ne prendiamo atto e già esso è cambiato. Nessuno può guarirci meglio di noi stessi.
In lak'ech!
Stefania Gyan Salila

mercoledì 13 giugno 2018

NOVILUNIO IN GEMELLI NEL GIORNO DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI SOLARE, KIN 126 - RESPIRO, FRESCHEZZA, CHIAREZZA


Alle ore 20,00 UTC del 13 giugno la Luna diventa Nuova a 22° Gemelli, nel suo mensile abbraccio con il Sole. Il Novilunio in Gemelli stimola il rinnovo della visione della vita, apre all'acquisizione di nuovi paradigmi, porta ossigeno nella stasi della Croce dei Segni Fissi che ci sta aiutando ad ancorare il nuovo Sé.
Come ho sottolineato spesso in diversi articoli, il 2018 ha il compito energetico di radicare ciò che negli ultimi anni si è manifestato come Ricerca. A partire dal 2012 si è registrato un movimento di massa verso ciò che si può definire come Cammino Spirituale. In quegli anni il Maestro Saturno ha iniziato il suo transito nel Segno Fisso dello Scorpione. Toro, Leone ed Aquario fanno anche parte di questo gruppo stagionale zodiacale che richiama stabilità e fissità per portare ogni cosa alla sua maturazione. Da maggio 2017 a novembre 2018 il Viaggio della Coscienza Collettiva (Nodi Lunari) si sta svolgendo lungo l'Asse zodiacale Aquario/Leone, anche in questo caso attivando la possibilità di radicarci nella Verità del Cuore (Leone), portando in profondità la spinta verso la ricerca spirituale che a volte poteva venire vissuta come fuga dalla realtà (Aquario).
Da ottobre 2017 a novembre 2018 Giove (la missione spirituale) si trova in Scorpione: è tempo di scegliere solo ciò che crea un suono puro e cristallino dentro di noi.
Dal 15 maggio 2018 e fino al 2025 Urano, simbolo della sensibilità psichica, della telepatia e delle facoltà superiori della Mente, si trova in Toro, portando il nuovo dentro le strutture conclamate della realtà.
Dal 16 maggio al 15 novembre 2018 Marte, significatore della Forza di volontà, transiterà in Aquario, dando particolare spinta al processo risveglio dalle ombre del passato, in caso ci fossero. Infatti il pianeta della grinta si troverà congiunto per un periodo con il Nodo Lunare Sud, che è la valigia pesante che ci si porta dietro, contenente tutti gli attaccamenti, i giuramenti, le convinzioni ed i condizionamenti che hanno appesantito la nostra risonanza, facendoci deviare dal percorso diretto.
E' bene avere chiaro questi punti per comprendere dove ci stiamo trovando e dove il Viaggio del Sé ci sta portando. I Segni Fissi creano un'apparente sensazione di blocco, rallentamento e stasi. Non è forse solo rimanendo fermi che si può andare in profondità? Vengono eliminati i movimenti superflui dettati dall'irrequietezza e dall'ansia. Non ci si può muovere se non per seguire con fiducia la Vita.
In tutto questo contesto la Luna Nuova in Gemelli porta una ventata di leggerezza, assumendo il ruolo di una finestra che si spalanca facendo entrare aria nell'afa di un pomeriggio estivo. Mentre tutti i processi di risveglio sono in corso, mentre il Cuore chiama ad essere ascoltato, facendo saltare antiche resistenze nei confronti dell'Amore, mentre il corpo somatizza e si muove e chiama con tanti sintomi, il Novilunio in Gemelli crea ponti verso il punto dove vorremmo già essere, dando forza e carica per portarci là, creando chiarezza dove prima c'era incertezza.
Perché questo? La Luna ed il Sole congiunti a 22° creano due aspetti di Quinconce (150°) con Plutone congiunto alla Luna Nera in Capricorno (20°/24°) e Giove retrogrado a 14° Scorpione. Il Quinconce rappresenta il riequilibrio di qualcosa che da tempo era fuori sintonia. Entrambi questi ultimi aspetti (Plutone/Luna Nera - Giove retrogrado) sono tra i più controversi in questi ultimi due mesi; essi hanno dato manifestazione a tanta dell'ombra che finora non eravamo stati in grado di portare a coscienza. Poi improvvisamente ce la siamo trovata davanti rendendoci conto di ciò che essa fosse veramente. Non è più stato possibile rifugiarci dietro ad un dito, addossare colpe ad un ipotetico nemico, accusare di tradimento una persona esterna. La nostra parte brutale è apparsa, o sta apparendo, ed è necessario farci i conti, prendersene cura, contenerla, incanalarla.
Ora il Novilunio crea un ponte per poter incontrare il lato scomodo di sé a metà strada, senza detestarci troppo per quello che vediamo. La Luna in Gemelli porta leggerezza finanche alla Luna Nera in Capricorno, rendendo possibile respirare lì dove il peso sul cuore ci ha sempre impedito di essere felici.
A questo proposito posso condividere un vissuto di ieri. Sto lavorando approfonditamente sul Cuore, utilizzando per quanto mi riguarda gli Oli Aura-Soma. In questo momento Marte ed il Nodo Sud si trovano allo stesso grado della mia Luna Nera di nascita (08° Aquario). Potete immaginare come mi stia sentendo rispetto al peso che sento di avere sul cuore - sono volutamente stata in vacanza con una meravigliosa B113, Arcangelo Cassiel, che stimola un forte processo di lasciar andare dal cuore, aiutando a trasformare gli ostacoli in forza.



La Luna Nera radix in Aquario mi ha sempre messo in ribellione rispetto ai ruoli femminili, ma essendo una spinta dovuta ad una sofferenza, mi ha anche sempre fatto sentire sola ed inadeguata. Ora mi sto dando l'occasione di prendere in mano il senso di autonomia non più in modalità di fuga da qualcosa di stabile (che io percepivo come soffocante), e mi sto arrendendo alla dolcezza, portando a conclusione una percezione claustrofobica delle relazioni affettive, vissute in maniera dipendente, divisa tra bisogno e repulsione. Il culmine del processo è durato un giorno, durante il quale pensavo di impazzire dall'irrequietezza, poi tutto si è placato e ora riesco a vedere la possibilità. La vedo, così la posso attivare.
Ecco, l'occasione che ci viene offerta dal Novilunio è questa, ovviamente con le tante diverse sfumature che risuonano per ciascuno. E' un volo, un ponte che si apre verso nuove vie di sperimentazione esistenziale. Sincronicamente in base al Modulo Armonico Tzolkin (sto parlando di un modulo di astrologia galattica) il Novilunio avviene nel giorno dell'Allacciatore dei Mondi Solare, Kin 126, giorno 9 dell'Onda dello Specchio (05/17.06.2018). L'Allacciatore dei Mondi è il costruttore di ponti tra le dimensioni. Nello specifico, il Kin 126 rappresenta la possibilità di superare il senso di isolamento che spesso si sente quando siamo a confronto con la nostra ombra. Pensiamo di non poter essere accettati con quel buio addosso, che nessuno è così terribile come noi sentiamo di essere, che chiunque è molto più luminoso di noi. Quando arriva l'Onda dello Specchio a volte ci possiamo sentire così perché esso ci rimanda indietro l'esatta immagine di quello che pensiamo di essere. Anche questo è molto sincronico nell'aspetto di congiunzione Plutone/Luna Nera - vedi LINK per approfondimenti. Così, mentre siamo rapiti dalle illusioni delle nostre proiezioni sullo specchio, con il Novilunio abbiamo accesso alla possibilità di ACCETTARE anche il buio e la bruttura. Tanto ci sono. Perché scappare? Prima o poi smetteranno di urlare così forte alle orecchie o di essere così evidenti agli occhi. Quando semplicemente ci accorgeremo che possiamo guardarci anche senza piacerci, riuscendo a sdoganare l'esistenza della bruttezza anche dentro di noi, non solo negli altri, non solo nel mondo esterno, non solo nelle guerre in un altro paese, o in un litigio in un'altra famiglia, o nelle discordie in un'altra casa. Noi siamo quelli brutti, terribili, maleducati. Prendiamocene la responsabilità e quella parte piano piano verrà integrata, e noi acquisiremo un senso di pienezza: non più senso di separazione o di distanza tra noi ed il mondo. Tutto è lì ora, per noi, a nostra disposizione.  Accettando il senso di vergogna, di inadeguatezza, di avere in noi una dissonanza, non dovremo sforzarci di nasconderci, liberando così un enorme flusso di energia che viene messo a disposizione per creare vita.
E' una fase importante questa. Ci stiamo arrendendo alla Bellezza.
In lak'ech!
Stefania Gyan Salila


venerdì 8 giugno 2018

08.06.2018 - VENERE OPPOSTA A LUNA NERA, DRAGO ROSSO AUTO-ESISTENTE, KIN 121 - LA BAMBINA, LA STREGA E L'UOMO SENSIBILE

LONGING FOR UNION - RASSOULI

L'08 giugno 2018 inizia il magico volo dell'Umano lungo la Colonna Mistica dello Tzolkin, il Modulo Armonico portatore della Matrice Galattica. Seguendo il nuovo paradigma del Tempo=Arte stabilito dal Sincronario delle 13 Lune oggi ci ritroviamo dentro il primo giorno del primo Kin (121, Drago Rosso Auto-Esistente, giorno 4 dell'Onda dello Specchio) che attiva il processo di discesa delle informazioni galattiche dal Centro della Galassia, al nostro Sole, al nostro cervello. 



 Nella prima figura sono illustrate le connessioni tra la Fonte, il Sole ed il Cervello umano
Questa seconda rappresenta lo Tzolkin con la Colonna Mistica al suo centro

Siamo collegati all'Intelligenza Galattica attraverso un filo d'argento che permette il funzionamento della nostra parte telepatica intuitiva. Ogni 260 giorni (circa 9 mesi - una gestazione umana) ci ritroviamo in questo punto a sperimentare 20 giorni in cui il senso di sospensione diventa totale, dal Kin 121 (Drago Rosso Auto-Esistente - giorno 4 dell'Onda dello Specchio) al Kin 140 (Sole Giallo Planetario - giorno 10 dell'Onda della Scimmia). 
E' un allenamento a stare nel Flusso. Si parla tanto della necessità di lasciar andare, di fare spazio al nuovo liberando il Cuore dai pesi. Ecco, ora non dovrebbe essere uno sforzo. Fino al 27 giugno sarà come galleggiare nell'aria: tutto emerge, risalendo in superficie. Le emozioni perdono peso e dal profondo si fanno sentire. Le situazioni diventano rarefatte ed assumono altri connotati. Il punto di vista si espande, le prospettive si ampliano. Ciò che sembrava un gigantesco problema si ridimensiona per via di un rinnovato senso di leggerezza. In un certo senso possiamo immaginare di vivere in un'atmosfera priva di forza di gravità. Cercheremo probabilmente di trattenere ciò che sembra essere importante, tuttavia molte situazioni, persone, cose, ci scivoleranno via dalle mani.
E' un evento ciclico perché ogni tanto è necessario fermarsi a svuotare le tasche. 
Chi già si sente in questo percorso, può esprimere intenzioni molto precise rispetto a ciò che si vuole lasciar andare. Vecchi dolori, antichi strappi mai totalmente ricuciti, persone da perdonare, rancori pesanti. Una cosa che a me funziona, vivendo in una città di mare, è l'apertura verso le dimensioni superiori che sempre mi accade quando cammino in acqua. Quando mi trovo nelle mie passeggiate solitarie dentro le basse acque dell'Adriatico, mi arrivano emozioni legate a precisi episodi della mia vita. Più di una volta mi sono ritrovata immersa spontaneamente in una dimensione profonda, connessa tra mare e cielo, ad offrire agli elementi qualcosa che voleva lasciare il mio campo energetico. Il vuoto che si viene così a creare non rimane tale; una discesa di cellule dorate va a riempire i campi, rinnovando il tessuto del mio Essere. Ogni volta che è necessario, ciò avviene spontaneamente ed io mi lascio operare, sapendo di trovarmi in un momento estremamente sacro.
Dovunque voi siate, trovate l'elemento della Natura che maggiormente vi chiama e dedicatevi del tempo per lasciarvi modellare dalla vostra stessa Intelligenza Divina connessa con la Fonte. Lasciate che l'immaginazione si connetta con il Cuore ed immergetevi nelle sensazioni mantenendo la posizione di Testimone ed Osservatore. Le parole sgorgheranno spontanee.
L'inizio del viaggio all'interno della Colonna Mistica viene salutato da Venere in Cancro in precisa opposizione  (23°) alla Luna Nera in Capricorno, l'Ombra della Luna, un aspetto che si concluderà con l'uscita di Venere dal Cancro il 14 giugno. 
Può il nostro aspetto aggraziato, venusiano, tenero, accogliente, la "brava bambina", guardare in faccia quella cattiva, l'arrabbiata, scontrosa, chiusa, prepotente, egoista, quella scomoda, che non tace le verità imbarazzanti?
Venere è la parte interiore connessa con il piacere. Quando si trova in Cancro, essa ricerca la connessione intima con l'altro. La Luna Nera in Capricorno non sopporta le prevaricazioni e si sente continuamente invasa. Essa pone dei limiti ben precisi oltre i quali non è possibile penetrare. 
Quale delle due sta prevalendo in noi? Quale panorami scoscesi e vertiginosi si stanno aprendo sotto i nostri piedi? Quanto stiamo scomodi nel voler accontentare gli altri pur di sentirci amati? Quanto arriviamo ad odiare qualcuno senza renderci conto che stiamo proiettando una nostra ombra su quella persona? Riusciamo a vederlo? Riusciamo a respirare dentro il disagio? Possiamo provare compassione per noi stessi? Può la Bambina tendere una mano alla Strega interiore, trovando un punto d'incontro di totale magia?
Questo aspetto è una grande guarigione per il Femminile, per le donne risvegliate.
Per gli uomini è l'occasione per fare posto alla propria sensibilità. Potreste sentire nascere in voi la volontà di prendervi cura della parte innocente. Dove è finita? Sotto quale convinzione e durezza è stata nascosta? Vi vergognate di essere teneri e vi sentite costretti a rispondere continuamente ad aspettative assolutamente fuori contesto? 
Oltre a ciò, qual è la vostra relazione con il Femminile? Potete fare pace con l'archetipo della Madre Castrante e della Donna Bisognosa? Magari cominciate ad arrendervi alla vostra stessa voglia di tenerezza e chiedete. Chiedete aiuto, senza fingere di non averne bisogno. Piangete. Lasciate che il Cuore si liberi ed arrendetevi alle vostre lacrime. In questi ultimi tempi c'è bisogno di liberare il Cuore dalle gabbie. Insegnatelo alle vostre donne, ai vostri figli. Un Cuore risvegliato attiva echi di enorme guarigione.
Stiamo procedendo verso il Novilunio in Gemelli. Urano in Toro (01°) si trova in quadratura con Marte in Aquario (07°), creando forti conflitti tra le aspirazioni e la loro fattibilità. Ci viene insegnato a rispettare l'ispirazione piuttosto che la programmazione. Marte è congiunto al Nodo Sud e ci ricorda tutte le frustrazioni dei sogni infranti. E' solo che è arrivato il momento di essere concreti. Basta dispersioni inutili in mille circonvoluzioni mentali. Fermiamoci. Dove sta la verità? Là ci stanno aspettando.
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

giovedì 31 maggio 2018

RESPIRA NEL VUOTO E COGLI LA RISORSA - VENERE OPPOSTA A STELLIUM IN CAPRICORNO NEL GIORNO DEL VIANDANTE DEI CIELI SOLARE, KIN 113, P.A.G.


Ecco, oggi la Luna cambia Segno dopo lo scorso Plenilunio del 29 maggio ed entra in Capricorno, Elemento Terra, un territorio in cui questo Archetipo Nutriente ed Accogliente acquisisce caratteristiche di distacco emozionale, silenzio e ascolto. Attenzione, se stiamo passando al vaglio bisogni e fragilità, questo momento (fino al 02 giugno) diventa molto delicato, tuttavia fondamentale per prendersi lo spazio di vedere la risorsa nascosta dietro ogni evento che ci accade.
Sì, perché le cose avvengono, facciamo esperienza, a volte sentiamo che ci viene asportato uno strato di epidermide, il che crea un disagio e un grande senso di vulnerabilità. Eppure è lì, è nello spazio che viene a formarsi dentro ed intorno a noi dopo (o durante) l'esperienza che esiste la vera Bellezza. La grandiosità del permettersi di essere ciò che si è, comprendendo come gli eventi e le persone, anche le più sgradevoli, non stanno assolvendo altro che ad un compito sacro di aiutarci a ricordare chi siamo. La nostra responsabilità in questo caso è aprirci a vederne la possibilità. Tutto accade perché dentro di noi quella forma potenziale è già presente. Possiamo vederla? Può la nostra visione allargarsi fino ad includere la risorsa che si sta presentando a noi in tutta la sua luce? Riusciamo ad alzare la testa quel che basta per uscire dalla paura e vedere l'occasione?
Tutto ciò che accade, avviene quale espressione della fioritura di un piccolo seme contenuto nel nostro tessuto energetico. Possiamo concepire questa visione e prenderci cura di quanto emaniamo, facendo in modo che la fioritura sia nella Presenza e non nella mancanza?
E se stiamo vivendo la mancanza, possiamo comunque cogliere la sua natura di vastità creativa, anziché percepirla come deprivazione? Possiamo vederci al rovescio, generando nuove prospettive? Riusciamo a cogliere l'amore in ogni cosa?
La Luna in Capricorno che entra prima in congiunzione con Saturno ed in opposizione a Venere (01 giugno) e poi in congiunzione con Luna Nera e Plutone retrogrado (02 giugno) sarà una grande Maestra in questo. Veniamo catapultati dentro l'esperienza emozionale (Venere in Cancro), sentendo tutto il bisogno di amore che grida dal fondo dell'animo. Sentiremo di nuovo la necessità di essere accolti come quando eravamo piccoli e chi ha vissuto o sta ancora vivendo una relazione conflittuale con la propria madre si ritroverà catapultato lì. Ma quella Madre (Luna in Capricorno), nel suo continuare a fare opposizione alla richiesta di nutrimento o attenzione o cura o protezione, ci metterà davanti allo specchio di ciò che noi possiamo fare per noi stessi, perché ormai abbiamo tutti gli strumenti in mano per dare a noi stessi ciò che ci serve. 
Qualunque sia il Vuoto in cui ci troviamo, riusciamo a vedere quanto sia creativo? Lì ci sono tutte le risorse possibili, chiamate intuizioni, ispirazioni, coraggio, tenacia, amore, apertura. E' un salto nel buio, come accade ogni volta che in Cielo ci sono opposizioni, come avviene continuamente nella vita quando ci viene richiesta una decisione, uno strappo per salire ad un livello successivo, come quando cresciamo e lasciamo la casa famigliare o ci sposiamo o cambiamo città. 
Ecco la sincronicità dello Tzolkin (leggi QUA per approfondimenti): in questa presa di consapevolezza dell'importanza di dare spazio a se stessi veniamo accompagnati dal Viandante dei Cieli Rosso, colui che esplora l'Ignoto, Kin 113 fra le "260 possibili permutazioni dell'energia da questa parte della Galassia" (cit. Arguelles). Esso risuona al Tono Solare, nono Tono Galattico su 13, la risonanza dell'Intenzione, della focalizzazione su un obiettivo. Liberandoci dalle strettoie della mente possiamo compiere un salto dalla parte opposta. Quando saremo approdati sull'altra sponda ci chiederemo come mai ci abbiamo messo tanto a saltare.


Il simbolo del Viandante dei Cieli rappresenta i Pilastri della Terra (colonne inferiori) ed i Cancelli del Cielo - nello spazio che si apre nel mezzo possiamo spingerci là dove finora era stato difficile andare.
Stiamo sperimentando stati di coscienza sempre più vasti, la sfida di mantenere l'attenzione durante il viaggio è grande perché è necessario accompagnare tutti i nostri sé dentro ogni nuovo approdo. Lo Stellium in Capricorno fino a sabato ci aiuta a consolidare la posizione perché ci sostiene dal profondo nel processo di diventare genitori accoglienti di noi stessi.
Buon viaggio!
In lak'ech!
Stefania Gyan Salila

domenica 27 maggio 2018

29.05.2018 - PLENILUNIO IN SAGITTARIO NEL GIORNO DELLA SCIMMIA BLU RISONANTE, KIN 111, P.A.G. - FINALMENTE SI VEDE L'ISOLA CHE NON C'E'



Il 29 maggio la Luna diventa Piena a 08° Sagittario alle ore 15,25 UTC, una Luna forte, sfacciata e aperta, come solo questo Segno spavaldo sa essere. Essa si lascia alle spalle il Plenilunio in Scorpione  del 30 aprile che ci ha piegato in due dalla fatica, pur costituendo però un passaggio imprescindibile per acquisire la forza di accettare tanti aspetti del sé rimasti latenti finora. Guardandosi indietro nell'ultimo mese, quante migliaia di miglia abbiamo percorso tra il sé attivato allora e ciò che si è risvegliato dopo? 
Il processo di Iniziazione all'accettazione totale di sé prosegue. E' un'iniziazione perché ha incluso, e sta includendo, il passaggio dentro un'ombra molto fitta, ma di una bellezza incredibile per lo slancio che emana che fa crollare barriere e muri di protezione (ricordate la congiunzione tra Plutone e Lilith?).
Questo Plenilunio in Sagittario è latore di grandi cambiamenti perché Sole e Luna opposti metteno a confronto obiettivi e fattibilità degli stessi. Pochi obiettivi mirati, sentiti, coltivati, che abbiano la forza di perforare il muro della realtà per diventare concreti. 
Da anni guardiamo ai nostri sogni, a volte lamentandoci perché ci sembrano sempre troppo lontani, irrealizzabili, altre volte costruendo un ponte che ci porti già là dove essi esistono. Ci siamo comunque allenati all'uso della Mente immaginativa, alla sincronicità, al linguaggio dei numeri doppi, alla lettura dei segnali. Tutto questo sta cambiando il modo di percepire noi stessi ed il mondo intorno a noi. Questo Plenilunio diventa una benedizione che scende a cascata con frequenze di coraggio, di apertura del Cuore, di possibilità infinite che ci siamo tutti guadagnati grazie alla costanza di credere in noi stessi, grazie al contatto con la fiducia in noi stessi, nonostante tutte le difficoltà e le cadute dentro l'autocritica ed il giudizio. Abbiamo tanto faticato, tremato, ci siamo a tratti scoraggiati, ma siamo rimasti in attesa della manifestazione di un disegno più grande che sapevamo sarebbe apparso all'orizzonte. Come una risposta a preghiere mai cessate nel tempo. 
In base al Sincronario Galattico delle 13 Lune il Plenilunio arriva nel giorno della Scimmia Blu Risonante, Kin 111, Portale di Attivazione Galattica, e questo rende il momento ancora più magico. Innanzitutto perché la Scimmia Blu è Magia, quindi ci si apre alla pura creatività immaginativa, per poter rendere possibile la visione che avevamo fin da bambini; poi perché essendo la Scimmia anche l'Illusionista, Essa saprà dissolvere i diversi veli dei condizionamenti che ci hanno impedito di sognare finora. 
La Scimmia Blu è custode dell'orbita di Venere, e durante questo Plenilunio Venere (11° Cancro) forma un Trigono potente di Acqua con Giove (retrogrado a 15° Scorpione)  e Nettuno (16° Pesci), un bellissimo aspetto di forza mistica, che sa dare il giusto coraggio ai Folli per mantenere costante la Visione, qualunque essa sia, dovunque questa ci porterà.
Credo la Magia sia veramente cominciata, dopo i difficili mesi primaverili. Siamo scivolati dentro il collo dell'utero della Vita e stiamo nascendo, stiamo per prendere il nostro vero primo respiro atavico.  Il Cuore si è svuotato dal dolore, e può cominciare a cantare. Questa nuova canzone trasporta le note del Sogno che stiamo sognando da sempre. Che il corpo sia contenitore di quella frequenza, che la gioia sia l'ago della bussola, e che Venere sia la Luce che Peter Pan segue per trovare l'Isola che Non C'è.
In Lak'ech!
Stefania Gyan Salila

26/28 MAGGIO - IL VIAGGIO DELLA LUNA CRESCENTE IN SCORPIONE NELL'ONDA DEL SERPENTE ROSSO - IL PERCORSO DI INIZIAZIONE PROSEGUE




Dalle ore 14,39 UTC del 26 maggio (Stella Gialla Auto-Esistente, Kin 108, Portale di Attivazione Galattica - la Bellezza diventa l'ago della Bussola dell'Esistenza) alle 23,29 UTC del 28 maggio (Cane Bianco Ritmico, Kin 110, Portale di Attivazione Galattica - l'Amore diventa il tessuto della realtà) la Luna transita nel Segno dello Scorpione. Essa si trova nella sua fase crescente, viaggiando verso il Plenilunio in Sagittario atteso per le ore 14,21 del 29 maggio (08°).
Il Kin 108 è il quarto giorno dell'Onda del Serpente Rosso, l'Iniziato. Fino al 04 giugno stiamo ricevendo dal Centro della Galassia una vibrazione potente che sempre più porta chiarezza e forza interiore.
Percorrendo i 30° dello Scorpione la Luna 
- si oppone a Urano in Toro (00°), creando uno specchio sopraffino dentro cui ri-trovarsi; da dentro a fuori, qual è l'immagine dentro cui ci riconosciamo? Ciò che emaniamo è fedele al nostro sentire? Quanto ci permettiamo di di lasciarci essere, anche se a volte non ci piace quello che emerge? Impariamo il Rispetto di quello che dal profondo ha urgenza di manifestarsi;
- forma una Quadratura con Marte in Aquario (03°), così la realtà sembra rallentare; mentre la creiamo attraverso l'immaginazione creativa, come la vediamo manifestarsi? Il risultato è consono all'intensità del pensiero? Ci alleniamo a mettere tutte le migliori intenzioni nel produrre una frequenza elevata, ad imparare la Focalizzazione per raggiungere i nostri obiettivi;
- forma una Quadratura con i Nodi Lunari, simbolo del viaggio dell'Anima collettiva, posizionati a 09° dell'asse Aquario/Leone. Essi stimolano il risveglio a se stessi, un percorso che ci porta diritti ad affermare la nostra Verità. Questa quadratura ci permette di comprendere se ci stiamo tradendo, o se ci stiamo negando alla verità. Ci stiamo auto-sabotando o siamo decisi ad amare noi stessi? 
- si congiunge a Giove retrogrado (16°), momento in cui avremo la finestra aperta sul passato, ritrovandoci su un punto che pensavamo di aver superato. Ci siamo però allenati a sintonizzarci sul Cuore, lavorando sulla Centratura. Possiamo guardare ciò che è stato con il giusto distacco? Riusciamo a prenderci la nostra responsabilità rispetto a ciò che accadde? Impariamo la prospettiva mettendo ordine e dando un nome alle nostre emozioni nascoste;
- si oppone a Mercurio in Toro (21/25°) portando l'attenzione sul peso che le parole hanno nel trasportare fuori le emozioni. Quanto riusciamo a comunicare e con quanta intensità ciò che sentiamo? Quali filtri applichiamo tra dentro e fuori? Impariamo a rispettare la delicatezza dei sentimenti profondi e ad avere cura della nostra parte più fragile.
Sono giorni intensi, pieni di specchi su cui riflettersi, focalizzati su immagini nuove. La Luna Piena in Sagittario del 29 maggio porterà poi in Luce, grazie all'elemento Fuoco del Segno, tutta l'oscura bellezza dell'animo umano lavorato da questo processo alchemico della Luna Crescente in Scorpione.
Un'altra parte avventurosa da compiere, un'altra tappa verso lidi sconosciuti del sé.
In lak'ech! 
Stefania Gyan Salila

venerdì 25 maggio 2018

MERCURIO IN TRIGONO A PLUTONE E LILITH - IL CONTATTO CON LA VOCE DENTRO - MANO BLU ELETTRICA, KIN 107, P.A.G.


I mandala che si stanno creando nel Cielo Astrologico di fine maggio sono disegni di pura magia. Anche il tessuto energetico della visione galattica, di quella che definisco Astrologia Galattica, ci immerge in un passaggio di sincronicità: viviamo dentro momenti di espansione di cuore, di benedizioni, di riconoscimenti, la giusta atmosfera per accorgersi di come sia facile far accadere i miracoli. E qui vorrei sottolineare che questa frequenza è sempre a disposizione dell'umano - è sufficiente coltivare il Respiro del Cuore, la Centratura sulla Presenza, e subito si attiva la parte celeste dentro la nostra umanità, il corpo si rilassa e la Luce interiore guida la macchina. Così inizia un'esistenza in assenza di sforzo, nella fluidità di ciò che c'è. Questo (ovviamente) non significa che le difficoltà finiscano, anzi. Diventiamo ancora più consapevoli delle zone d'ombra. Tuttavia non ne siamo più sopraffatti e riusciamo a guardarle con maggior distacco.
Arriviamo dunque al punto: il Cielo Astrologico di oggi presenta un aspetto molto interessante -  Mercurio, pianeta più vicino al Sole/coscienza vigile, si trova a 21° Toro (la mente riflessiva, pensante, finalizzata a trovare una soluzione nel tempo), in esatto aspetto di Trigono con Plutone e Lilith congiunti a 21° Capricorno (devo dire che tutti le precise configurazioni al grado di questi giorni sono spiazzanti! In particolare c'è un'insistenza celeste sul numero 21 e sul numero 16. Io non sono numerologa ma se qualcuno ne sa, che commenti pure).
In base a quanto scritto ieri - qui il LINK - Plutone e Lilith rappresentano qualcosa di molto nascosto e oscuro, di cui difficilmente ci siamo resi conto nel tempo, ma che ha pesato a livello inconscio sulle nostre scelte. E' anche vero che l'ombra dà spessore, ed è altrettanto vero che evitare di respirare a fondo per non sentire le parti scomode di sé, può degenerare in una postura rigida e contratta. Questo tipo di attitudine congela la vita, perché se il respiro non passa dentro il corpo, nelle nostre giornate non accade nulla, tutto è morto come nel più freddo inverno. Per cui possiamo approfittare di queste speciali giornate per accostarci con delicatezza a ciò che ci ha sempre spaventato, cercando di includere all'interno del nostro campo visivo una nuova prospettiva di noi stessi. Oggi che Mercurio si posiziona in preciso aspetto a quella parte ignota e rimossa, ci si apre una possibilità molto interessante. Mercurio governa i cinque sensi fisici, così esso regola la comunicazione. I suoi raggi oggi si estendono fin dentro le nostre viscere e portano ciò che è stato nascosto lì in superficie. Il Toro governa la zona della gola, quindi saranno parole dal profondo che ci troveremo a pronunciare oggi, dando voce (forse) al dolore rimosso, ma anche al Sé magico, potente, incontenibile, a cui avevamo in un dato punto del tempo deciso di rinunciare. Perché? Perché a volte essere noi stessi è troppo doloroso, invalidante, scomodo. La rinuncia ci ha garantito la sopravvivenza all'interno di un sistema, ma ci ha messo in esilio da noi stessi, e ha trasformato quel legame speciale con noi stessi in ciò che oggi percepiamo come un'ombra. Capite? Non ci sono presenze ostili intorno a noi, ma solo l'ombra creata dalla paura che abbiamo di noi stessi, della nostra libertà (che include sempre l'aspetto della responsabilità di sé) e del nostro potere personale - qui si aprirebbe un altro capitolo, ne tratterò in un altro post.
Così, mentre in base al Sincronario Galattico viaggiamo dentro l'Onda del Serpente per risalire dalla Terra al Cielo, le orbite planetarie ci aiutano e ci sostengono nel trovare la via di comunicazione tra il Profondo e la personalità. E' così che acquisiamo un nuovo spessore, rilassandoci dentro quello che c'è, perché se iniziamo a vedere la possibilità di vivere in assenza di sforzo significa che possiamo cominciare a fidarci, non sentendo più la paura; non abbiamo più bisogno del controllo.
La sincronicità è che, mentre avviene questo collegamento con la Voce Dentro, lo Tzolkin ci permette di attuare un viaggio altrettanto interessante dentro i 10 giorni Portali di Attivazione (fino al 30 maggio). Quindi l'Astrologia Solare costruisce, attraverso gli aspetti delle sue orbite planetarie, un ricamo magico di contatto tra dentro e fuori, mentre l'Astrologia Galattica fornisce una scala verso il Cielo, attivando le direzioni sotto/sopra. 
Oggi ci troviamo nel terzo giorno dell'Onda del Serpente, Mano Blu Elettrica, Kin 107, Portale di Attivazione Galattica - viene messo in luce il Servizio che forniamo a noi stessi e al mondo grazie al viaggio che abbiamo deciso di intraprendere alla scoperta di sé, nel recuperare il ricordo di sé. Questo spazio di 13 giorni fino al 04 giugno è molto importante perché ci mostra la via per arrivare direttamente ed in modo molto preciso nel punto della Presenza, la sfera di luce bianca brillante che emana calore e senso di radicamento, posizionata nel ventre, lì dove si trova la Fonte, l'energia divina, infinita sorgente di forza.
Siamo dentro un periodo unico, fondamentale per radicarci definitivamente e da lì partire per portare fuori la nostra Essenza. Il contatto così ravvicinato con le potenti energie interiori serve per comprendere chi veramente siamo. Permettiamoci di vedere!
In lak'ech! (Io Sono Un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

giovedì 24 maggio 2018

LILITH E PLUTONE CONGIUNTI IN CAPRICORNO NEL GIORNO DELL'ALLACCIATORE DEI MONDI LUNARE, KIN 106, P.A.G. - SURFARE TRA I VUOTI ED I PIENI DELLA VITA


Dal 17 al 25 maggio sperimentiamo sulla pelle, nelle viscere, nella quotidianità più densa, la congiunzione al grado (21° Capricorno) di Plutone e Lilith, la Luna Nera, una delle configurazioni astrologiche più intense, in quanto entrambi rappresentano parti nascoste, inconsce, oltre la nostra percezione sensoriale.
Plutone è il pianeta più lontano dal Sole, quindi riceve poca luce dalla coscienza vigile (Sole), la mente non riesce ad afferrare razionalmente la sua azione. Esso si muove nella nostra ombra, si insinua come dubbio e porta i pensieri dentro loop interminabili. Plutone è anche la capacità dell'animo di scavare nel profondo, mettendosi dentro processi alchemici di grande trasformazione. Dal 2009 e fino al 2023 transita in Capricorno e in questo lungo viaggio ci accompagna ad incontrare il Maestro Interiore, mostrando alla personalità come accettare qualcosa di più grande di sé, la Missione di Vita. 
Lilith, la Luna Nera, non è un corpo planetario, ma l'ombra che la Luna proietta. Poiché la Luna stessa è spesso simbolo di illusione, poiché è luce riflessa, figuriamoci la sua ombra a che tipo di percezioni distorte può condurre. Essa è la ribelle che non vuole dire dire sì, che deve fare a modo proprio, che non può sottostare ad alcuna regola; il settore della nostra mappa natale in cui si trova diventa spesso un campo di battaglia. Tuttavia non ci si fa pace con Lilith; si può rispettare quel confine che essa pone, perché il rispetto della propria ombra ci permette di fare pace con noi stessi.
Dallo scorso novembre l'ombra della Luna si trova in Capricorno dove rimane fino al prossimo agosto 2018. In questo lasso di tempo Lilith ci sta insegnando il potere del no: non si riesce più a sopportare di essere continuamente invasi dalle richieste altrui. Chi non ha mai messo confini tra sé e gli altri per paura di essere escluso, si ritrova, suo malgrado, ad erigere grandi barriere verso il mondo esterno. Un meccanismo sano, che però da molte persone viene vissuto quasi con senso di colpa. In questo caso Lilith sa essere una buona maestra di amor proprio.
La congiunzione precisa al grado di questi due Archetipi, la Strega ed il Maestro Alchimista, porta in superficie tanti punti di buio nascosti dentro le nostre viscere. Il Cielo dello Scorpione, Segno governato da Plutone e in cui Lilith si trova molto bene, è abitato da Giove in questo periodo, che sta facendo un eccellente lavoro di scavo nel passato. Ci stanno venendo in mente episodi che avremmo preferito cancellare del tutto? Eravamo convinti di aver risolto situazioni pesanti che invece improvvisamente ritornano? Ecco, l'attuale Cielo astrologico serve per far salire alla consapevolezza una fotografia precisa della nostra situazione.
Tra ieri e oggi il corpo sta dando il meglio di sé: senso di gonfiore, dolori addominali, emicranie, stanchezza cronica. Per quanto possibile riposiamo, oppure perdiamoci nelle azioni quotidiane, ma senza sforzarci ad essere in forma. Agiamo dallo spazio di energia personale a nostra disposizione, attiviamo il contatto con la Presenza dentro il nostro ventre, la sfera di luce bianca che emana calore e forza. Stiamo lì a respirare ed i processi acquisiranno tutta un'altra prospettiva ed una maggiore leggerezza.
Dal punto di vista del Sincronario Galattico delle 13 Lune, il 17 maggio, giorno in cui è iniziata la congiunzione precisa al grado, era il giorno del Kin 99, Tempesta Blu Galattica, giorno 8 dell'Onda dell'Umano. Stavamo respirando una nuova forma di coscienza che si staccava da tutto quello che avevamo finora conosciuto. Capite la portata? Chiaro che ora l'intestino duole, si gonfia, fa resistenza. E' più che normale. Ricordiamoci anche la presenza di Urano in Toro, che porta l'attenzione a lasciar andare tutto quello che ci separa dal far risplendere i nostri veri colori! Cosa è necessario lasciar andare per far emergere la vera essenza?
Dal 17 al 22 maggio si è poi chiusa l'Onda dell'Umano, concludendo un processo di integrazione a livello fisico di queste nuove frequenze veloci, celestiali; la sensibilità è diventata molto acuta, le antenne psichiche estremamente ricettive. Il corpo fisico può vacillare perché si sta adeguando, ma il nostro Cuore si sta aprendo, si sta attivando, pulsa e palpita gioioso mirando a mille nuove progetti su come espandere se stesso e la propria visione!
Dal 23 maggio siamo entrati nell'Onda del Serpente Rosso - qui il LINK- ed oggi navighiamo nel giorno dell'Allacciatore dei Mondi Lunare, Kin 106, primo giorno Portale di Attivazione Galattica fino al 30 maggio. Entriamo oggi dentro una serie di giornate in cui la comunicazione tra Cielo e Terra diventa aperta; un'occasione per sperimentare telepatia e sincronicità, per ricordarci di avere dentro una parte galattica molto più attiva di quello che possiamo pensare.
Questi tempi sono occasioni uniche per portare a consapevolezza tutta la bellezza dell'Umano Celeste che siamo. Siamo attivatori del processo di risveglio del pianeta. Ce la possiamo fare, nonostante tutto.
In lak'ech!
Stefania Gyan Salila

lunedì 21 maggio 2018

IL CIELO ASTROLOGICO DI FINE MAGGIO - METTERE LUCE SUI BISOGNI PER SCOPRIRE I TALENTI - NOTTE BLU CRISTALLO, KIN 103




In base al Sincronario Galattico delle 13 Lune oggi ci troviamo nel dodicesimo giorno dell'Onda dell'Umano Giallo, il Tempospazio dedicato alla discesa dentro il corpo fisico di un nuovo paradigma di informazioni, grazie alle quali possiamo integrare/risvegliare gli strumenti che ci serviranno per il proseguimento del compito che ci siamo assunti scendendo qui.
La Notte Blu Cristallo, Kin 103, apre le porte di un viaggio dentro il Profondo, dentro l'Inconscio, per aiutarci fare chiarezza sui nostri panorami interiori. Questo tipo di risonanza è perfettamente sincronica con ciò che viene attivato dalle geometrie create dalle orbite planetarie del nostro Sistema Solare. L'Intelligenza Divina si muove attraverso le dimensioni, scendendo per permettere una risalita, un innalzamento. 
Guardando il Cielo astrologico di oggi, il Sole è entrato in Gemelli, Segno d'Aria, emanando frequenze più leggere rispetto a prima. Tuttavia altri aspetti ci richiedono attenzione ed osservazione. Ci sono importanti Opposizioni, cioè aperture di campi duali che preparano all'esperienza: 
Venere è entrata in Cancro (tematica della dolcezza, tenerezza, del bisogno di sentirsi amati ed accolti) e si trova così opposta a Saturno retrogrado in Capricorno (08°). La domanda che si viene a creare ci riporta davanti ai nostri bisogni irrisolti e alla conseguente possibilità di diventarne consapevoli. 
Ogni umano ha 5 bisogni fondamentali: cura, attenzione, nutrimento, protezione ed anticipo dei bisogni. Nasciamo corredati di queste antenne percettive e la nostra vita emotiva si struttura intorno al soddisfacimento dei detti bisogni. Se essi rimangono scoperti, cioè se i genitori non sono riusciti a soddisfarli, vengono poi proiettati verso il mondo, soprattutto verso un eventuale partner. Le richieste inconsce proiettate sono: devi rendermi felice; non mi devi mai lasciare; io sono l'unico/a per te; tu devi sempre esserci.
Se una relazione è strutturata così, i due partner hanno delle tematiche irrisolte rispetto ai propri bisogni.
Andando alla radice, si scopre che se un genitore non è riuscito a soddisfare un dato bisogno del bambino, è perché anche quel padre o quella madre erano rimasti a mani vuote rispetto a ciò che si aspettavano dai propri genitori. Chiunque, avendo un vuoto, lo trasmetterà, perché anche quello è ciò che siamo e che risuona con noi.
Quindi? Come spezzare questa catena? Astrologicamente l'aspetto di Opposizione tra Venere in Cancro e Saturno retrogrado in Capricorno ci aiuta a focalizzare il punto (l'aspetto dura fin verso la fine del mese). Venere è in questo caso la parte delicata e magica, creativa, innocente e pura. Saturno, nell'altra polarità, è la contingenza deprivativa che non ha permesso il flusso di nutrimento dalla Fonte al Cuore individuale, non ha permesso che la Magia fluisse e tutta la bellezza si è offuscata. Lo stato di coscienza in questo caso è sintonizzato sulla mancanza, sul grigio, sull'impossibilità, sulla non-realizzazione. 
Questo tipo di catena si spezza intanto prendendo atto di ciò che è e dando un nome a quello che sentiamo. Successivamente saremo portati a prendercene la responsabilità, traslando le richieste rivolte al mondo esterno verso noi stessi. Cosa ci manca per sentirci soddisfatti? Quali passi sono necessari da compiere per arrivare più vicini a sentirci nutriti? Soprattutto, cosa ci nutre? Cosa ci fa male?
Una volta arrivati a questo punto, il principio Venere in Cancro si trasforma nella forza creativa dell'ispirazione e dell'estro, mentre Saturno retrogrado diventa la Forza che coagula l'inventiva e la rende concreta. Così i nuovi progetti possono realizzarsi. Noi possiamo realizzarci.
E' nell'ascolto del Bambino Interiore che veniamo in contatto con tutti i nostri talenti, perché Esso li custodisce dentro le sue manine. Prendendoci cura dei nostri bisogni, diventandone consapevoli, ascoltiamo il Vuoto da cui si generava l'antico disagio. Nel sentirsi ascoltato il Bambino si acquieta, si fida, e ci dà accesso alla nostra parte più intuitiva ed ispirata. Questo è uno degli aspetti più magici in assoluto che conteniamo nell'animo. Da questo contatto cambia il livello percettivo e quindi la vita stessa.
Un altro aspetto interessante di questi giorni, per alcuni versi simile a quanto appena descritto, è quello creato da Mercurio in Toro che rimane fino alla fine del mese in opposizione a Giove retrogrado in Scorpione (16/15°). Anche qui, ad un livello più basso di frequenza, ci sembrerà di non essere ascoltati, di non venir visti. Anche in questo caso potremmo sentirci vittime delle circostanze, della mancanza d'amore, ecc. Tuttavia, l'insegnamento è quello di radicare la nostra sensorialità (Mercurio governa i 5 sensi fisici) nella profondità del nostro animo, che Giove retrogrado in Scorpione sta passando al setaccio. Radicare i sensi nella profondità vuol dire sapere dove si è, vuol dire guardare da dentro verso fuori, stabili nel respiro lento, sintonizzati con il ritmo interiore che è pacato e intenso allo stesso tempo. Questo si può chiamare anche processo di definitiva incarnazione. Essere nati e respirare non significa necessariamente essere radicati e presenti. Questo spesso si ottiene successivamente. Provando a chiedere informazioni sulla nostra nascita, possiamo comprendere tante cose su di noi. Sappiamo tutti come nascere sia di per sé un trauma che ci condiziona. Ripulire questo tipo di strato emozionale è un passo importante. Dopo l'ingresso di Urano  e la sua carica luminosa, stiamo in effetti facendo grandi pulizie dei diversi strati che hanno ottenebrato la visione fin qui.
Aura-Soma ovviamente ci dona un aiuto anche in questo caso: il Pomander Pink o Pale Coral possiedono frequenze molto delicate, di pura grazia e bellezza. Sono entrambi acquistabili su chalicewell.com





Direi che siamo davanti a tanti specchi, riflessi in modo preciso negli occhi della Vita, che non possiamo sicuramente ignorare. La Luce portata da Urano in Toro sta lavorando per attivare i diversi strati del sé. Le geometrie celesti aiutano a supportare il lavoro degli umani, aiutandoci a mettere  ogni cosa al suo posto.
Quello che ci vuole è sicuramente la forza di volontà, l'impegno verso se stessi e un po' di disciplina per rimanere nella costanza. Tutto questo è un allenamento, atto a risvegliare l'amore che possiamo provare nei confronti di noi stessi, che se riusciamo a attivarlo totalmente, allora sì che questo pianeta può diventare un posto migliore!
In Lak'ech! (Io Sono Un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila

venerdì 18 maggio 2018

16.05/15.11.2018 - MARTE IN AQUARIO - IL RAFFINAMENTO DEL PROCESSO DI CENTRATURA SUL CUORE


Siamo arrivati ad un altro punto interessante dell'anno astrologico, come se già tutti gli attuali passaggi non fossero sufficienti a mantenere alto il ritmo.
Dal 16 maggio al 15 novembre 2018 Marte transita in Aquario. Un transito così lungo per questo pianeta definito veloce (rimane in un Segno circa due/tre mesi) accade ogni 2 anni, costituendo così una sorta di eccezione. A determinare la durata è il moto retrogrado che Marte metterà in atto, trovandosi a ripercorrere gli stessi gradi del Segno appena passati. Quando un pianeta torna indietro, noi umani ci ritroviamo sempre a dover rivedere situazioni. Rivedere nel senso di riportare lo sguardo su qualcosa visto da poco, ma anche nel senso di rivolgere un'attenzione più profonda su qualcosa che è arrivato il tempo di prendere in considerazione seriamente. Ciò accadrà tra il 27 giugno ed il 28 agosto, quindi ne riparlerò a suo tempo (tra il 14 agosto ed il 10 settembre Marte tornerà a solcare gli ultimi due gradi del Capricorno, quindi ce ne sarà da scrivere!)
Marte è il pianeta del movimento, dell'azione, dell'andare verso, del desiderio che muove, dell'espressione in senso lato. Esso esprime nella nostra mappa il modo in cui siamo spontanei ed immediati, basici, famelici, aggressivi, determinati.
Il transito di Marte in Aquario è di solito un passaggio che apre alla possibilità di compiere un ampio respiro, trovando uno spazio comodo dove la mente può abbandonare i suoi confini strategici per includere nuove prospettive. Scrivo "di solito" perché questa volta il raggio marziano incontra quello uraniano appena entrato in Toro ed insieme, anziché aprire, formano una barriera, apparentemente limitante.
Toro e Aquario fanno parte dei Segni Fissi, insieme a Leone e Scorpione, collegati tra loro da aspetti di Quadratura (le tensioni interiori, i conflitti tra voci contrastanti). Quando pianeti abitano 4 Segni appartenenti alle 3 grandi Croci (Cardinale, Fissa, Mobile), si attiva il senso di contrasto affinché ne facciamo esperienza per portare pace, ricerca di centratura, consapevolezza delle diverse sfumature che ci abitano. Possiamo anche visualizzare la situazione in questo modo. Le Quadrature sono luci che illuminano la densità del carbone che ricopre il diamante grezzo che abita in noi. Nel ricercare benessere da qualcosa che crea disagio, nel trovare quel giusto punto di distacco da un'emozione soffocante, si trova la bellezza della tensione creata da questo aspetto astrologico sottile e subdolo. Perché subdolo? Perché la Quadratura è una tensione interiore, come ho scritto sopra, due voci dentro la testa che esprimono giudizi opposti e contrari - si tratta di una funzione della mente. Poiché spesso non riusciamo ad accettare di sentirci sbagliati, proiettiamo quel contrasto nel mondo esterno, cercando inconsciamente un nemico che personifichi quella nostra parte che giudichiamo. Il nemico ci rassicura che noi siamo nella ragione, siamo quelli buoni, potendo scaricare tutta la tensione nei confronti di quella persona o situazione.
Perché dunque ho scritto "bellezza della tensione? Perché portare consapevolezza in una Quadratura significa ammettere di essere sbagliati, sentire la tensione interiore delle due parti che sono sempre state in contrasto, respirarci dentro, e percepire che c'è altro in sottofondo, una terza presenza, il Silenzio rigenerante, che placa e seda. Siamo altro oltre i contrasti, i nemici, le emicranie ed i desideri frustrati. Essi sono un mezzo di uscita da quella stessa rete soffocante che ci siamo costruiti addosso ed ora è il momento di rendersene conto.
Si può così affermare che il lungo transito di Marte in Aquario, nel suo danzare in quadratura con Urano in Toro, costituisce un percorso di grande presa di coscienza. La nostra parte attiva e reattiva (Marte) si mette in confronto con la sensazione di stasi (Toro) per trovare nuove vie, mai prese in considerazione prima, per portarsi al di là degli ostacoli che ci siamo sempre parati davanti quali difesa.
La parte Aquario legata alla telepatia, all'intuitività, alla visionarietà, sarà particolarmente forte in questo periodo, visto che Urano governa l'Aquario. Marte svolgerà in questo senso un'azione ancora più impattante nel portare lo stato di coscienza nel profondo di una Visione che tenderà a rompere tutte le barriere, per cui non avremo più la forza di resistere e potremo trovare una nuova via espressiva.
Un consiglio spassionato è di abbandonarsi a ciò che viene. Avere paura è ormai veramente superfluo ed uno sforzo inutile che porta a usurarsi. Possiamo continuare a camminare su quella strada, per carità! Ma significherebbe per l'ennesima volta sprecare occasioni e tempo.
Probabilmente il mentale arriverà ad un parossismo: l'attività mentale di produzione di pensieri a raffica sarà molto forte, sollecitata da Marte in Aquario. Il quadrato con Urano in Toro ci farà percepire una strettoia ed i pensieri rimbalzeranno sulle pareti della mente come una pallina in una partita di squash. NON IMPORTA. Oggi abbiamo anche tanti strumenti per andare oltre. Aura-Soma, sopra gli altri, per quanto mi riguarda.
Utilizzando il Verde Smeraldo tra i Pomander Aura-Soma possiamo aiutarci tanto. Troviamo spazio dentro il cuore, nel respiro. Il Verde Smeraldo contiene le qualità essenziali della Verità del Cuore, delle Radici, della Direzione di Vita. 



Anche la Quintessenza Blu Pallido che contiene la frequenza del Maestro El Morya ci aiuta ad affidarci alla nostra Intelligenza divina. Essa ci permette di allinearci con una volontà più grande del piccolo io che a volte blatera ininterrottamente dentro la nostra testa. Fare silenzio in questa immensità di Blu porta più facilmente oltre i periodi difficili.

Per la spiegazione sull'utilizzo delle Quintessenze Aura-Soma clicca QUI

Il processo di individuazione che ci sta portando verso un nuovo stato di coscienza diventa sempre più forte, deciso, diretto. Arrendersi ora non avrebbe molto senso. Se le difficoltà crescono, è segno che stanno contemporaneamente arrivando anche strumenti nuovi per superare quel senso di sé ed approdare a qualcosa di nuovo che ci radichi nella serenità e nel flusso.
Quella Presenza che sto avvertendo in me sempre più forte ed attiva, che guida il mio corpo nelle giornate a surfare gli eventi con una sincronicità meravigliosa sta emergendo, radicandomi nel qui e ora. Lo sguardo profondo che risale dal cuore crea uno spazio infinito in me. E' un percorso di una meraviglia che le parole fanno fatica a rendere perché impoveriscono la frequenza che si sta sperimentando. Il centro sacro del cuore è pulsante in questo periodo, è spalancato, è in pura emanazione. La qualità della vita cambia, e l'Esistenza diventa immensa, grandiosa. 
Siamo in pieno supporto da parte di tutti questi aspetti celesti che a loro volta diventano portatori ed attivatori di un nuovo paradigma che si sta downloadando dentro di noi, risvegliando collegamenti neuronali rimasti dormienti sotto lo stato di ipnosi. 
Ho cominciato a leggere la realtà in modo leggermente diverso da prima. Un esempio: arrivano sempre più richieste dal mondo esterno che fino a ieri mi avrebbero appesantito e deprivato di energia. Davanti alla richiesta mi fermo e respiro e porto l'attenzione alla mia Presenza, da cui mi arriva calore e radicamento e soprattutto la visione di come tutto possa essere possibile. Perché da lì non uso energia vitale ma energia della Fonte. Comprendo così che le richieste, che una volta avrei ritenuto eccessive, sono un mezzo per andare alla scoperta di questo strumento sopraffino di vita, integrandolo dentro le cellule, fino a cambiare stato di coscienza. Questo strumento è il collegamento con l'Eterno che risiede nel corpo, è il punto da cui deriva la Forza e la Centratura, grazie alle quali tutto diventa flusso. 
Ci siamo. Abbiamo lavorato tanto per arrivare qui. Che senso avrebbe indugiare ancora?
In lak'ech! 
Stefania Gyan Salila









16 MAGGIO SPECCHIO 7 KIN 98
15 NOVEMBRE DRAGO 8 KIN 21

martedì 15 maggio 2018

CHE ACCADE MENTRE LA LUCE RISVEGLIA LE CELLULE? TESTIMONIANZA DIRETTA DELL'INGRESSO DI URANO IN TORO



Mentre scrivo questo articolo (ore 17,30 ora italiana del 15 maggio) Urano varca la Porta d'ingresso a 00° del Toro.
Volevo semplicemente condividere una piccola riflessione sul sentire di questo momento così particolare. 
Stanotte ho fatto un sogno estremamente rivelatore, nel senso che una mia parte mai vista mi si è mostrata. Qualcosa che, mentre camminavo nel sogno, mi ha fatto fermare, tornare indietro, guardare verso e dire: sono passata da questo punto tante volte, come mai non ti ho mai visto prima?
Ecco, credo che il punto in questo periodo sia proprio questo. Il riuscire ad avere accesso a situazioni interiori che stanno emergendo dal profondo. Sono molto grata a me stessa, al cammino compiuto fin qui, al coraggio che mi ci è voluto e a tutti i limiti che sono riuscita a spingere un pochino verso l'oltre. 
Avevo voglia di raccontare questa esperienza onirica che mi è sembrata contenere una qualità sciamanica, un incontro tra me e un pezzo d'anima a lungo represso, troppo doloroso per essere ricordato finora. Finalmente tutto quello che ci serve sta tornando alla memoria, arrivando alla consapevolezza. Questo è uno dei doni più potenti che potremo ricevere nei prossimi tempi. 
Mentre Chirone indugia dolcemente ai primi gradi dell'Ariete, facendoci sentire comodi dentro il corpo che risponde alla cura, all'amore che vogliamo portare ad esso, ecco che Urano va ad illuminare e a sciogliere i legami antichi che ci tenevano attaccati a promesse ormai senza più forza né valore. Questa apertura, che probabilmente qualcuno percepisce come scompenso, rende possibile l'accesso al Portale del Cuore e da lì la discesa fino al punto della Sorgente Interiore, la Hara (vedi LINK per approfondimenti).
L'azione congiunta di Chirone, il Guaritore, e di Urano, l'Illuminato, ripulisce le cellule fisiche dai vecchi fraintendimenti. Se ci troviamo in un momento di disagio fisico, si tratta sicuramente di questo tipo di lasciar andare. E' ovvio che lasciar andare non è semplice, richiede spazio interiore tra cuore, mente e pancia, tuttavia è proprio la nuova frequenza che stiamo respirando che ci aiuta nell'agire e nel lasciarci agire.
Uno dei più grandi insegnamenti che mi sono arrivati in queste ultime settimane riguarda proprio questo: il lasciare che le cose siano come sono, lasciando che gli altri siano come sono, così da lasciare me stessa essere come sono. E' da qui che emerge la meraviglia del riappropriarsi di parti di sé a lungo dimenticate. Nel respiro lento dell'accettazione profonda emerge la più grande guarigione di tutte, il fluire nella Presenza. Nulla più da fare, solo da essere - per chi volesse approfondire questo aspetto qui il LINK.
Stefania Gyan Salila





domenica 13 maggio 2018

15.05.2018 - NOVILUNIO IN TORO E INGRESSO DI URANO NEL SEGNO - DIVENTA MAESTRO DI PRESENZA




Il 15 maggio alle ore 12,45 UTC la Luna diventa Nuova a 24° del Toro ed inaugura l'Era di Urano che entra alle 17 UTC nel Segno, in ritorno dopo 84 anni. 
La Luna Nuova in Toro apre il periodo della gioia della Vita, quando i progetti prendono corpo. Il Toro è un Segno di Terra, il primo dello Zodiaco, e si identifica nella gioia di costruire dal nulla, di erigere spazi protetti dove esso possa prosperare insieme ai suoi cari. 
Il Toro è il secondo Segno zodiacale; segue l'Ariete, il Pioniere, e dalle sue ricerche esplorative prende l'innovazione e la rende usufruibile nel quotidiano, così che non venga dispersa.
L'ingresso dell'energia di Luce, Elettricità, Velocità Fulminea, Intuitività, Telepatia (parole chiave di Urano) in questo Segno così collegato con il radicamento, la stanzialità e la stabilizzazione del Fuoco arietino che lo precede, stimola gli umani nel corso dei prossimi 8 anni (fino al 2025) a privilegiare la ricerca dei confini interiori anziché quelli esterni: la Luce uraniana funge da richiamo da parte del Maestro interiore, la cui voce vuole risalire per essere sentita. Ciò comporta una presa di responsabilità, parola chiave dei Segni di Terra (enfatizzata dalla presenza di Saturno in Capricorno fino al 2020), grazie alla quale ci sentiremo richiamati allo Specchio, a riconoscere l'immagine che quella nuova intensità ci darà l'accesso a vedere. Possiamo ancora ignorare questi richiami? Pura illusione! I legami stretti che fino ad ora abbiamo mantenuto per sopravvivere si dissolvono da soli, quindi accompagnandoli con quanta più serenità possibile ci permetterà di chiudere lunghi cicli con tutto l'amore che c'è.
Dalla parte opposta al Novilunio, Giove sta ancora viaggiando in retrogradazione a 17° Scorpione, e sta portando avanti il suo compito di Custode della Soglia fino al 06 luglio. Cosa significa? Lo Scorpione è un Segno d'Acqua, simbolo dell'inconscio, sede di tutto quello che ha creato disagio in un dato punto del tempo, talmente tanto che abbiamo deciso di non poter sopportare di ricordare; tutto quello che è talmente sgradevole da non riuscire ad ammettere di portare quell'immagine di noi; tutto il senso di vuoto da cui ci proteggiamo. Sappiamo che è da qui, dagli effetti del nascosto proiettati inconsapevolmente nel quotidiano, che nasce la Ricerca; ricerca di risposte, necessità di chiarezza, bisogno di fare ordine. Dallo scorso ottobre e fino al prossimo novembre Giove sta operando in questo senso, aiutandoci a vedere. Si tratta di un processo molto lento perché riguarda tutte le nostre delicatezze. La nostra Intelligenza divina veglia su di noi attivando sincronicità affinché il viaggio sia congruo e ci permetta di integrare i vari pezzi. Quindi non si può avere fretta e non si può procedere finché ogni processo non è stato portato a termine.
Durante questo Novilunio accade qualcosa di magico. Nella mappa celeste del Novilunio calcolato su Greenwich Sole e Luna congiunti a 24° Toro si trovano nel punto più elevato, il Medio Cielo, mentre Giove cade congiunto al Fondo Cielo, il punto più basso. Essi formano una radice tra gli opposti che crea una tensione, una crepa, da cui la Luce di Urano può penetrare fin dentro il profondo. La Via è aperta perché il Toro ci fa sentire di esserci, ci rende solidi, oltre la paura. Siamo pronti al salto, per così dire. Il corpo riesce a rilassarsi quando i due Luminari si trovano lì. Così apriamo, la Luce entra, e la consapevolezza comincia a fare il suo corso. Possiamo vederci mentre ci apriamo ad accogliere quella frequenza? Possiamo figurarci quella possibilità? Possiamo darcene il permesso?
Sta a noi, a confronto con noi stessi decidere.
Cosa va ad illuminare quella Luce? E' ovvio che non esiste solo l'inconscio, la sofferenza, l'oblio, il rifiuto, ecc. Esiste un punto nel profondo chiamato Presenza. Se lo vogliamo individuare, esso si trova sopra il primo chakra e si chiama Hara, il Pozzo, la Fonte. 


Il passaggio di Urano ci porta direttamente lì. La Luce allora attiva la consapevolezza della Presenza dentro di noi, lì dove possiamo attingere la Forza, la Centratura. E' il punto del Vuoto, da cui poter estrapolare una forza infinita, radicante. E' da lì che ci deriva la forza di auto-realizzarsi, diventando fluidi rispetto a quello che siamo. E' da lì che risale la centratura che ci fa essere ciò che siamo, oltre il bisogno di riconoscimento. E' il punto da coltivare nel processo di spostamento degli orizzonti che si attiva, ora che Urano ci mostrerà panorami completamente nuovi.
La sua Luce è molto forte, probabilmente la frequenza che verrà immessa nella nostra vita potrebbe chiederci di spostarci. Se così fosse, sarà chiaro che questo avverrà per un bene più grande. Sarà talmente naturale che non ci costerà farlo, anzi, sarà una conseguenza del respiro che stiamo imparando a portare dentro. Portare dentro il Respiro significa dire sì alla Vita, all'Abbondanza, alla Meraviglia e da lì alla possibilità di operare miracoli. Respirare nel profondo attiva il Cuore, da lì portiamo l'attenzione alla Presenza. 
Esiste un laboratorio promosso dagli insegnamenti di Osho chiamato 'Who is in?', chi c'è dentro? chi abita dentro di me? Il transito uraniano ci porta a questa scoperta. Il richiamo alla Presenza è la prospettiva giusta da cui partire per iniziare questo cammino. Contattare la Presenza è un passaggio imprescindibile per ogni Ricercatore. Respirare da lì cambia totalmente la prospettiva di vita.
Buon mega-viaggio a tutti!
In lak'ech! (Io Sono un Altro Te Stesso)
Stefania Gyan Salila